Grecia potrebbe saldare Fmi in un'unica tranche a fine giugno-funzionari zona euro

martedì 26 maggio 2015 15:31
 

BRUXELLES, 26 maggio (Reuters) - Ad Atene potrebbe venire concesso di evitare il prossimo rimborso al Fondo monetario internazionale - 300 milioni di euro in scadenza venerdì della prossima settimana - a condizione di cumulare i pagamenti di giugno - per un totale di 1,6 miliardi -in un'unica tranche da saldare entro fine mese.

Lo riferiscono funzionari della zona euro in occasione della nuova riunione tra i rappresentanti dell'esecutivo ellenico e il cosiddetto 'gruppo di Bruxelles, Commissione e Fmi.

"E' possibile raggruppare le scadenze di tutto giugno e saldare il Fondo in un'unica soluzione", dice una delle fonti.

"Si tratta di tecnicismi a livello di tesorieria... dovrebbero chiedere permesso al Fondo che dovrebbe concederlo", aggiunge.

E' del resto improbabile che il nodo della crisi greca riesca a sciogliersi dopodomani, quando è in agenda una 'conference call' tra gli sherpa dei ministri finanziari.

"Otterrebbero in questo modo qualche settimana in più ma sarebbe un'ipotesi rischiosa se non avessero esattamente in mente come saldare il totale delle pendenze. Le conseguenze sarebbero imprevedibili... si rischia una corsa dei risparmiatori agli sportelli e non sappiamo come potrebbe reagire il governo".

Una delle fonti definisce troppo rigidi i paletti fissati da Atene nel corso dei negoziati sulle riforme in cambio di nuovo sostegno finanziario, precisando che ancora manca un'intesa anche sull'entità dell'avanzo primario.

Proprio sul livello obiettivo per l'avanzo primario Atene potrebbe ottenere una concessione, con un target abbassato a 1-1,5% del prodotto interno lordo.

"Insufficiente" viene invece ritenuta dai creditori internazionali la proposta sull'Iva.   Continua...