Zucchi, fatturato stabile e riduzione perdite in trim1

giovedì 14 maggio 2015 17:46
 

14 maggio (Reuters) - Zucchi ha archiviato il primo trimestre con un fatturato sostanzialmente stabile e una riduzione della perdita.

Il fatturato consolidato, si legge in un comunicato del gruppo del tessile per la casa, si è attestato a 32,6 milioni (-0,3%), mentre il margine delle attività operative è risultato negativo per 3,096 milioni, rispetto al rosso di 4,99 milioni di un anno prima.

L'Ebit è stato negativo per 3,4 milioni (-5,185 milioni un anno prima). Il risultato netto è negativo per 4,109 milioni, in miglioramento rispetto al rosso di 5,774 milioni del primo trimestre dell'anno scorso.

Al 31 marzo scorso l'indebitamento finanziario netto era pari a 87,9 milioni, in miglioramento rispetto ai 97,9 milioni di fine 2014.

Ricordando la domanda di ammissione al concordato preventivo, Zucchi ricorda che "beneficerà degli effetti protettivi del patrimonio previsti dalla normativa applicabile, che consentirà di proseguire, in piena continuità, nell'attività commerciale nell'interesse della clientela e del mercato, focalizzandosi anche sul processo di definizione dell'accordo di ristrutturazione dei debiti".

Rispondendo a una richiesta avanzata da Consob, Zucchi ricorda che "ha conferito mandato ad Ernst & Young per la ricerca di soggetti finanziari o industriali che siano interessati ad investire... Tale decisione è stata assunta anche per contribuire al rafforzamento patrimoniale e finanziario della società ed eventualmente agevolare la negoziazione con le banche finanziatrici". Queste ultime "hanno manifestato una disponibilità di massima ad accogliere la proposta di ristrutturazione dei debiti, senza però averla ancora definitivamente e interamente approvata". Le banche "hanno confermato l'intenzione di proporre ai rispettivi organi deliberanti la riattivazione e il mantenimento dell'operatività delle linee commerciali".

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia