Grecia, liquidità potrebbe imporre scadenze incombenti - Dijsselbloem

giovedì 7 maggio 2015 11:31
 

PARIGI, 7 maggio (Reuters) - I problemi di liquidità della Grecia potrebbero imporre scadenze ravvicinate per Atene, alle ricerca di un accordo con i propri creditori internazionali.

Lo dice il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che in un'intervista al quotidiano francese Le Monde spiega che la riunione dei ministri finanziari della zona euro di lunedì è troppo presto per sperare in un'intesa, ma che occorre un risultato in tempi urgenti.

"Politicamente parlando, la sola scadenza (per la Grecia) è la fine di giugno, quando termina il secondo piano di salvataggio, ma potrebbe anche esserci una scadenza se i problemi di liquidità diventassero troppo importanti per Atene" afferma Dijsselbloem.

Il numero uno dell'Eurogruppo esclude poi ogni discussione sulla possibilità di concedere alla Grecia un alleggerimento del peso del debito prima del completamento del secondo piano.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia