Banche, allineamento norme crediti a Europa ricetta giusta -Nicastro

lunedì 4 maggio 2015 13:18
 

MILANO, 4 maggio (Reuters) - L'allineamento alla normativa europea delle procedure concorsuali e di insolvenza è la ricetta giusta per consentire una migliore gestione dei crediti deteriorati da parte delle banche italiane.

Lo ha detto Roberto Nicastro, direttore generale di UniCredit, aggiungendo che anche l'accorciamento dei tempi di ammortamento delle perdite da svalutazione crediti può essere una misura importante.

"Si è parlato di allineamento all'Europa e questa è la ricetta giusta", hs spiegato Nicastro a margine di un evento a Milano, con riferimento a quanto dichiarato oggi dal premier Matteo Renzi che ha annunciato che nelle prossime settimane saranno presentate delle misure sui crediti deteriorati che metteranno le banche italiane nelle stesse condizioni di altri Paesi.

"C'è un problema di 350 miliardi di crediti deteriorati. Si tratta di enormi risorse congelate che non possono essere messe al servizio dell'economia del Paese in un momento in cui c'è il terzo tentativo di ripresa", ha proseguito Nicastro.

Il banchiere ha poi osservato come in Italia il mercato delle sofferenze sia fermo facendo il paragone con la Spagna dove nel 2014 le transazioni hanno riguardato il 15% dello stock contro il 3% italiano.

"Queste misure che vanno nella direzione di rendere coerente il quadro normativo con quello europeo a livello di procedure concorsuali e di insolvenza possono aiutare", ha aggiunto.

Nicastro ha poi ribadito, in merito al progetto di bad bank con garanzie pubbliche a cui sta lavorando il Tesoro, che UniCredit "ha già una sua no core bank interna" e si è mossa in questa direzione da quasi due anni.

"Bisogna vedere le condizioni. Il governo va avanti, noi stiamo andando avanti per conto nostro. È normale che le banche grandi lo facciano", ha concluso.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia