Italia e Belgio, nessuna procedura Ue per deficit, bocciata Francia

mercoledì 25 febbraio 2015 17:10
 

BRUXELLES, 25 febbraio (Reuters) - Insieme al Belgio, l'Italia sarà risparmiata dalla procedura della Commissione Ue per eccesso di disavanzo, non così la Francia, per Bruxelles ancora sorvegliata speciale.

Lo annuncia alla stampa il vicepresidente e responsabile per il semestre europeo Valdis Dombrovskis al termine di una riunione dell'esecutivo dedicata appositamente alla valutazione dei piani di bilancio italiano, francese e belga.

"Tenendo conto di tutti i fattori rilevanti, compresa la debolezza della crescita e l'attuazione delle riforme strutturali, si è concluso che in questa fase non è opportuno avviare una procedura per deficit eccessivo nel caso dell'Italia e del Belgio" spiega.

Il vicepresidente aggiunge però che la Commissione ha identificato in Italia "squilibri macroeconomici eccessivi che necessitano azioni decise e un monitoraggio specifico".

Per il commisssario agli Affari economici e monetari Pierre Moscovici, "la Commissione raccomanda che l'Italia rimanga nella categoria" di paesi con squilibri eccessivi.

Ben diversa la posizione di Parigi, cui Bruxelles chiede di intensificare la correzione del disavanzo fissando un nuovo esame a maggio, aspettandosi già ad aprile la presentazione di un "ambizioso" programma di riforme.

La Francia, cui Bruxelles raccomanda per quest'anno una correzione strutturale di 0,5%, avrà fino al 2017 per riportare il disavanzo entro la soglia Ue di 3% rispetto al prodotto interno lordo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia