Ilva, governo annuncia nuove "ingenti risorse", aiuti a indotto

venerdì 13 febbraio 2015 18:48
 

ROMA, 13 febbraio (Reuters) - Il governo ha annunciato oggi il prossimo arrivo di "ingenti risorse" per Ilva, pur senza fornire indicazioni specifiche sulle somme disponibili per la più grande azienda siderurgica italiana.

"Il governo, impegnato ad affrontare le crisi aziendali e a sostenere lo sviluppo economico nei territori, ha confermato la disponibilità a breve di ingenti risorse a favore della società siderurgica in amministrazione straordinaria", dice una nota diffusa oggi da Palazzo Chigi.

Questa mattina il premer Matteo Renzi ha presieduto un vertice tra ministri e commissari Ilva, a cui è seguito nel primo pomeriggio un incontro con i rappresentanti degli enti locali, dei sindacati e degli industriali.

Una fonte a conoscenza del dossier, confermando che il governo sarebbe intenzionato a correre in aiuto con un prestito di circa 400 milioni di euro per Ilva - come già anticipato da Reuters nei giorni scorsi - ha detto che la somma sarebbe fornita da Cassa depositi e prestiti (Cdp) dietro garanzia dello Stato.

Cdp non ha commentato tale ipotesi. Nei giorni scorsi il presidente Franco Bassanini e l'AD Giovanni Gorno Tempini hanno detto che Cdp è diponibile a partecipare - dietro garanzia dello Stato - al fondo turnaround che il governo vuole costituire per dare vita a una newco che prenda in affitto gli impianti di Ilva per due o tre anni.

Il comunicato dice anche che il governo sta definendo "un nuovo emendamento con ulteriori meccanismi destinati ad accrescere la liquidità a disposizione dell'Ilva con strumenti che coinvolgano anche gli istituti di credito". Nel frattempo, come hanno riferito diverse fonti, Intesa Sanpaolo ha riaperto una linea di credito da 160 milioni di euro nei confronti di Ilva.

Per quanto riguarda l'indotto, messo in crisi dalla mancanza di liquidità di Ilva, Palazzo Chigi sta lavorandomit "nei limiti della procedura vigente, anche a misure specifiche per garantire la più ampia prededucibilità possibile dei crediti e sta rafforzando il fondo di garanzia per garantire crediti futuri, con particolare riguardo proprio ai fornitori".

Tali misure saranno contenute in un emendamento al decreto su Ilva varato prima di Natale, come anche la possibilità di sospendere l'Iva e altri tributi "per un congruo lasso di tempo" per il settore dell'autotrasporto.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia