Btp in rialzo dopo Pil, Bund in calo, spread su Spagna in area zero

venerdì 13 febbraio 2015 12:22
 

MILANO, 13 febbraio (Reuters) - Il secondario italiano
mostra un andamento positivo in una seduta caratterizzata dalla
pubblicazione dei Pil europei e da un azzeramento del
differenziale fra i rendimenti dei benchmark decennali italiano
e spagnolo.
    "Il Pil europei, tranne forse un po' la Francia, non hanno
deluso i mercati, quindi la loro pubblicazione ha pesato sul
Bund", dice Alessandro Longo, strategist di Ig.
    Il Pil della zona euro nel quarto trimestre è cresciuto a un
ritmo superiore alle aspettative. Secondo la stima preliminare
di Eurostat, negli ultimi tre mesi dell'anno scorso il Pil è
salito dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Su base
tendenziale la crescita è stata dello 0,9%. Le aspettative erano
per un incremento dello 0,8% su base annua e dello 0,2%
congiunturale.
     Secondo i dati preliminari resi noti da Istat, nel quarto
trimestre del 2014 il Pil italiano è rimasto invariato in
termini congiunturali, dal calo dello 0,1% del trimestre
precedente. Si tratta del 14esimo trimestre consecutivo senza
crescita. Su base annua il Pil è sceso dello 0,3% rispetto al
-0,4% (rivisto da -0,5%) del trimestre precedente. Nel 2014 il
Pil corretto per gli effetti del calendario è sceso dello 0,4%
dal -1,9% del 2013. 
    "Il mercato guarda con più favore all'Italia che alla
Spagna, la quale, essendo prossima alle elezioni, risente in
pieno dell'effetto Grecia", dice ancora Longo, che sottolinea
come il tema determinante per Madrid sia proprio la politica,
laddove per l'Italia è la crescita economica.
     Per la prima volta da luglio del 2014 il tasso del
decennale italiano è sceso brevemente sotto quello offerto dalla
pari scadenza spagnola, per poi riallinearsi sullo stesso
livello.
    L'attenzione sulla Spagna si è accentuata dopo la vittoria
di Syriza alle legislative del mese scorso. 
    "Si tratta semplicemente di un ampliamento dell'incertezza
relativa a Syriza a Podemos in Spagna" dice Peter Chatwell,
strategist di Mizuho.
    "Una certa stabilità politica italiana consentirà al paese
di cavalcare i benefici consentiti dal QE. L'incertezza politica
spagnola si è espressa nell'ultimo periodo in una perdita di
20-30 punti in termini di spread" dice ancora Longo. 
    Attorno alle 12,10 il rendimento del decennale benchmark
italiano è a quota 1,588% dopo un minimo di seduta
a 1,575%, mentre il corrispettivo spagnolo è poco
al di sotto, a 1,580%. 
    
      
========================== 12,10 =============================
 FUTURES BUND MARZO                   158,77   (-0,33)   
 FUTURES BTP MARZO                    138,57   (+0,76)   
 BTP 2 ANNI (AGO 16)                  109,562  (+0,043)  0,384%
 BTP 10 ANNI (DIC 24)                 108,338  (+0,655)  1,583%
 BTP 30 ANNI (SET 44)                 144,898  (+1,941)  2,587%
 ======================== SPREAD (PB)=========================  
 ---------------------  ---------------  ----------  PRECEDENTE
                                                     
 TREASURY/BUND 10 ANNI                          166         166
 BTP/BUND 2 ANNI                                 61          64
 BTP/BUND 10 ANNI                               123         133
 minimo                                       138,1       138,1
 massimo                                      126,0       126,6
 BTP/BUND 30 ANNI                               171         182
 BTP 10/2 ANNI                                119,9       124,4
 BTP 30/10 ANNI                               100,4       101,3
 ===============================================================
    
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia