Grecia, banche non escluse automaticamente da Ela senza accordo-Nowotny

giovedì 12 febbraio 2015 18:16
 

PRAGA, 12 febbraio (Reuters) - In caso di mancato accordo tra la Grecia e i partner europei non ci sarebbe comunque un'esclusione automatica delle banche elleniche dai fondi d'emergenza dell'Ela.

Lo ha detto il banchiere centrale austriaco Ewald Nowotny, aggiungendo che se un accordo verrà raggiunto le banche potranno tornare ad attingere liquidità attraverso i normali canali della Bce.

A margine di un seminario a Praga, Nowotny ha spiegato che sull'Ela, attualmente attiva, la Bce prenderà decisioni periodicamente e che la prossima sarà in occasione del meeting del direttivo della banca centrale. Ma ad una domanda relativa ad un'eventuale chiusura dell'Ela in caso di mancato accordo sulla Grecia, il banchiere centrale ha risposto "assolutamente no".

"Tutti ci aspettiamo che ci sarà un soluzione, non ha senso fare speculazioni (ora)" ha dichiarato. "Se ci sarà un nuovo accordo allora penso che si possa tornare al vecchio sistema, perché il vecchio sistema era condizionato ad avere un programma attivo in essere".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia