Mps, su azioni pesa ipotesi aumento capitale - Sabatini (Abi)

lunedì 27 ottobre 2014 12:20
 

ROMA, 27 ottobre (Reuters) - Le azioni Mps sono in drastico calo in Borsa perchè dal comprehensive assessment della Banca centrale europea è emersa una carenza di capitale per la banca senese superiore alle attese, una carenza che potrebbe dover essere coperta con un aumento di capitale.

E' l'opinione del direttore generale dell'Associazione bancaria italiana, Giovanni Sabatini, il giorno dopo i risultati dell'analisi sugli attivi patrimoniali e gli stress test su 131 banche europee che da novembre passeranno, in gran parte, sotto la vigilanza della Bce.

"Penso che il mercato abbia una reazione eccessiva perchè c'è una certa incertezza su come Mps coprirà questa carenza di capitale. Probabilmente il mercato sta reagendo all'ipotesi di un aumento di capitale aggiuntivo ma la volatilità è la reazione normale dei mercati rispetto all'incertezza", ha detto lunedì mattina Sabatini in un'intervista a Reuters Television.

Per la banca più antica del mondo e la terza in Italia è stato individuato uno shortfall di 2,1 miliardi di euro, il più ampio tra le banche europee sotto esame.

La seconda banca italiana a risultare sotto i livelli patrimoniali richiesti anche dopo le misure realizzate nel corso del 2014 è Carige che nelle stime della Banca d'Italia dovrà trovare altri 800 milioni di euro.

Alle 11,50 le azioni Mps sono indicate in calo del 20% su venerdì a 0,80 euro mentre l'indice FTSE Mib .FTMIB perde l'1,72%. Venerdì la borsa di Milano aveva chiuso in territorio positivo con Mps in rialzo del 10,68% e Carige in avanzamento del 3,91%.

"Venerdì il mercato era positivo [su Mps] perchè considerava che probabilmente non ci sarebbe stato bisogno di un aumento di capitale e che lo shortfall avrebbe potuto essere colmato con altri strumenti, non con strumenti diluitivi", ha commentato Sabatini.

"Dobbiamo aspettare il piano che Mps sta mettendo a punto in questi giorni. A quel punto sono sicuro che il mercato sarà in grado di valutare meglio lo stato reale della banca".

  Continua...