Mps, bene qualunque azione rafforzamento inclusa merger - Panetta

domenica 26 ottobre 2014 15:17
 

ROMA, 26 ottobre (Reuters) - La Banca d'Italia accoglierà in modo positivo qualcunque azione di rafforzamento proposta dal Monte dei Paschi di Siena per far fronte allo shortfall da 2,1 miliardi emerso dall'esercizio della Banca centrale europea, compresa una fusione.

Lo ha detto il vice direttore generale di Bankitalia Fabio Panetta nella conferenza stampa tenuta a Roma sui risultati dell'analisi della Bce sulla solidità del patrimonio di 131 banche europee.

"Saremmo non contenti ma molto di più, di qualsiasi risultato rendesse Mps più forte e robusta e in grado di accrescere il sostegno all'economia", ha risposto Panetta alla richiesta di commentare una ipotesi di merger.

"Non abbiamo alcuna preclusione a una operazione che renda la banca più robusta", ha aggiunto.

Una fonte vicina alla situazione ha riferito a Reuters domenica che Mps ha dato mandato a Ubs e Citi per valutare varie opzioni strategiche, tra cui una fusione.

Panetta ha sottolineato il fatto che Mps, il cui shortfall è il peggiore tra le 131 banche esaminate, ha superato il testo a livello di qualità patrimoniale (Aqr) ma ha fallito negli stress test che non hanno tenuto conto del piano industriale concordato tra la banca senese e la Commissione europea.

"Mps è una banca in convalescenza che però è stata messa a correre i 200 metri e quindi ha sofferto", ha sintetizzato Panetta.

A penalizzare Mps "in modo significativo" anche la grande quantità di titoli pubblici in portafoglio.

Oltre a Mps anche Carige ha bisogno di rafforzare il proprio patrimonio di 800 milioni.   Continua...