PUNTO 1-Italia, Visco: per riforme poco tempo. Padoan: è sufficiente

domenica 7 settembre 2014 09:51
 

(riscrive, aggiunge dettagli intervista Visco)

CERNOBBIO, 7 settembre (Reuters) - Il tempo per attuare le riforme è poco avverte il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in un'intervista a Repubblica, ma comunque sufficiente, replica, indirettamente il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, prima di prendere parte ai lavori del workshop Ambrosetti in corso a Cernobbio.

"Abbiamo poco tempo per far percepire con chiarezza e accettare il disegno complessivo. E secondo me dev'esserci una chiarezza anche di analisi, e dev'esserci continuità dell'azione", avverte Visco.

Il tempo è "abbastanza", ha risposto Padoan a chi gli chiedeva di quantificare quanto tempo abbia il Paese per cambiare.

VISCO: SERVE VISIONE COMPLESSIVA

In una lunga e articolata intervista, Visco non indica la riforma più urgente da fare, ma parla di "un insieme di fattori" da aggredire, quali il basso livello di capitale umano del Paese, le difficoltà dell'istruzione, l'inefficienza dell'amministrazione pubblica e la rigidità della struttura produttiva.

Pur ricordando che c'è ancora molto da fare, Visco riconosce all'Italia di aver fatto in questi anni una serie di riforme, come quella del mercato del lavoro, della giustizia civile, delle pensioni, sulla scia di quanto fatto dalla Spagna, che però, a differenza di Roma, è tornata a crescere, anche se, puntualizza il governatore, Madrid ha un tasso di disoccupazione doppio rispetto a quello italiano.

"Un punto cruciale è che le stesse riforme possono avere effetti diversi se attuate in un Paese in cui vi è la percezione che non saranno riviste e saranno attuate con rapidità, rispetto a un paese in cui dove questa percezione non sia chiara o vi sia il timore che esse possano rimanere inattuate".   Continua...