Entrate tributarie gen-lug 232,6 mld (-0,6%), cresce Iva - Tesoro

venerdì 5 settembre 2014 19:03
 

ROMA, 5 settembre (Reuters) - Nel periodo gennaio-luglio 2014 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 232.613 milioni di euro, sostanzialmente stabili rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (-0,6%, pari a -1.302 milioni di euro).

In crescita invece l'Iva.

E' quanto si legge in una nota del Tesoro.

Le imposte dirette registrano un gettito complessivamente pari a 128.182 milioni di euro, con una diminuzione del 3,7% (-4.870 milioni di euro) rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno.

In particolare l'Irpef presenta una leggera variazione negativa dello 0,6% (-564 milioni di euro), che riflette gli andamenti delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (-0,9%), delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (-0,4%) e dei lavoratori autonomi (-2,7%), andamenti parzialmente compensati dall'aumento dei versamenti in autoliquidazione (+2,2%).

L'Ires mostra un calo del 20,8% (-3.597 milioni di euro), essenzialmente riconducibile ai minori versamenti a saldo 2013 e in acconto 2014, effettuati da banche e assicurazioni.

Sul fronte delle imposte indirette si conferma la crescita del gettito Iva che aumenta del 3,1% (+1.695 milioni di euro). In particolare, continua l'andamento positivo dell'Iva sugli scambi interni in aumento del 4,1% (+1.961 milioni di euro) e si riduce ulteriormente il differenziale negativo della componente dell'Iva sulle importazioni da Paesi extra-Ue rispetto all'analogo periodo dello scorso anno -3,4% (risultava pari a -4,6% nel periodo gennaio-giugno) per effetto della crescita del gettito nel mese di luglio (+3,2%, pari a +39 milioni di euro), per il terzo mese consecutivo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia