Scuola, in piano governo 150.000 assunzioni per 3 mld euro nel 2015

mercoledì 3 settembre 2014 12:52
 

* Renzi: un anno per rivoluzionare la scuola

* Per gli insegnanti è prevista la mobilità nazionale

* Bonus fiscale per chi dona soldi a istituti

di Massimiliano Di Giorgio

ROMA, 3 settembre (Reuters) - Per il premier Matteo Renzi quella lanciata oggi dal governo non è una riforma della scuola, ma addirittura una rivoluzione, con l'annuncio di cambiamenti significativi dal 2015 per il sistema dell'istruzione, a partire dall'assunzione di circa 150.000 docenti, fino ad arrivare a un bonus fiscale per chi dà soldi agli istituti.

Il pacchetto degli interventi prevede a gennaio 2015 la presentazione delle prime norme e a settembre dello stesso anno l'assunzione in massa di nuovi insegnanti, con l'inserimento nella Legge di stabilità del primo miliardo di euro dei tre necessari a sostenere l'operazione, dice il rapporto ("La buona scuola", here).

Intanto, però, dal prossimo 15 settembre e per due mesi il governo lancerà una consultazione nazionale tra famiglie, insegnanti e associazioni sul piano.

"La scuola è il cuore di tutto", ha detto in un videomessaggio lo stesso Renzi. "Se noi saremo in grado, nei prossimi 12 mesi, di ripensare a come l'Italia investe sulla scuola, allora costruiremo la crescita dei prossimi 20 anni".

L'interesse per la scuola del premier - sposato a un'insegnante - si è manifestato fin dai primi giorni a Palazzo Chigi, con le visite settimanali alle scuole e con il lancio di un piano per l'edilizia scolastica. Adesso però Renzi punta direttamente a "rivoluzionare la scuola", come ha spiegato nel messaggio.   Continua...