PUNTO 1-Al via cdm su Sblocca Italia, lunedì programma Millegiorni

venerdì 29 agosto 2014 17:11
 

(Aggiunge contesto)

ROMA, 29 agosto (Reuters) - Matteo Renzi scoprirà oggi le carte sul decreto legge 'Sblocca Italia', il pacchetto di misure che punta a rilanciare gli investimenti nel tentativo di stimolare un'economia piombata per la prima volta in deflazione dal 1959.

"Oggi giustizia e Sblocca Italia. Domani vertice europeo. Lunedì la presentazione ufficiale #millegiorni con obiettivi e sito #italiariparte", scrive su Twitter il presidente del Consiglio facendo riferimento al nuovo programma dell'intera legislatura.

Il governo è riunito a Palazzo Chigi dalle 16,30. L'ordine del giorno contiene anche un decreto per ridurre i processi civili e un disegno di legge sulla responsabilità civile dei magistrati.

L'appellativo di Sblocca Italia deriva dal fatto che il governo intende attuare decine di opere già finanziate ma ferme principalmente a causa di intoppi burocratici. Il primo agosto Renzi ha parlato di 43 miliardi tra risorse pubbliche e private.

Le bozze circolate finora comprendono un intero capitolo dedicato alla riduzione delle società partecipate dagli enti locali, uno dei principali dossier della spending review.

L'obiettivo è sopprimere più di mille aziende non operative già individuate dal commissario alla revisione della spesa, Carlo Cottarelli. Presenti anche incentivi alla quotazione in Borsa, il principale dei quali è l'allungamento della concessione fino a un massimo di 22 anni e sei mesi.

Altre misure riguardano gli investimenti sulla rete autostradale, che il ministero delle Infrastrutture vuole stimolare attraverso l'aggregazione di tratte interconnesse o contigue. Lo strumento è "un'apposita convenzione unitaria che può avere durata non superiore al termine massimo previsto per la scadenza degli originari rapporti concessori".

Il governo potrebbe anche rafforzare la defiscalizzazione degli investimenti in infrastrutture tramite project financing. Le bozze riducono infatti a 50 da 200 milioni la soglia di investimenti per l'ammissione di un'opera al credito di imposta su Ires e Irap.

Il ministero dello Sviluppo ha preparato un intero capitolo dedicato all'energia, chiedendo in particolare di rendere una priorità nazionale i gasdotti di importazione -- a partire dal Tap -- e i terminali di rigassificazione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia