Abs, Ecofin Milano discuterà rilancio, ma ripresa mercato sarà lenta

martedì 2 settembre 2014 17:57
 

LONDRA, 2 settembre (Reuters) - Il rilancio del mercato
delle cartolarizzazioni (Abs) sarà al centro del dibattito nella
riunione dei ministri finanziari Ue che si terrà a Milano il 13
settembre, anche se per una ripresa del segmento - sostengono gi
esperti - occorreranno anni, e più di qualche semplice
aggiustamento regolamentare.
    Le emissioni europee di cartolarizzazioni sono risultate
pari a soli 181 miliardi di euro di controvalore nel 2013,
contro i 711 miliardi del 2008. Contemporaneamente il mercato
Usa è passato dai 934 miliardi di euro del 2008 ai 1.500 dello
scorso anno.
    La Bce è in prima fila nel volere un ritorno alla piena
funzionalità del mercato delle cartolarizzazioni, soprattutto
nella prospettiva di assicurare alle aziende europee un canale
addizionale di finanziamento, in un momento in cui l'economia
della regione è ancora in crisi e le banche tendono a ridurre
strutturalmente l'offerta di credito.
    La stessa Francoforte ha lasciato intendere che potrebbe
lanciare a breve un programma di acquisto di Abs, già nei
prossimi mesi.
    Manca tuttavia una qualche forma di consenso a livello
internazionale su come valutare la qualità del debito
cartolarizzato, cosa che potrebbe favorire un ritorno della
fiducia dei grandi investitori - come assicurazioni o fondi
pensione - ancora scottati dall'esperienza dei 'subprime'.
    "Per ravvivare il mercato delle cartolarizzazioni occorrerà
del tempo" spiega Cristina Mihai di Insurance Europe,
un'associazione del settore assicurativo. "Al momento non
abbiamo una visione stabile di quelli che saranno gli haircut
sul capitale, per incentivarle, o una chiara definizione di cosa
costituisce un Abs di alta qualità".
    Gli Abs costituiscono in questo momento solo l'1% circa
degli attivi delle assicurazione e gli haircut previsti dalle
autorità europee rimangono enormi in relazione ai tassi storici
di default di questi prodotti, fa notare Insurance Europe.
    
    CREARE MERCATO SOSTENIBILE
    Nel breve gli operatori non prevedono una significativa
ripresa del mercato europeo, anche qualora la Bce dovesse
intervenire direttamente, dal momento che le preferenze degli
investitori continuano ad andare verso forme di debito più
sicure, come i covered bond, che ricevono un trattamento più
favorevole da parte delle autorità di regolamentazione. 
    Né a questo punto viene più giudicato sufficiente rivolgere
il focus esclusivamente sull'aspetto del trattamento del
capitale. 
    "Occorre concentrarsi maggiormente su come costruire un
mercato sostenibile" afferma Greg Medcraft della International
organisation of securities commissions (Iosco), un'associazione
internazionali di organi di regolamentazione.
    Secondo Anna Bak di Afme (Association for financial markets
in Europe) "il mercato si troverà in una situazione migliore da
qui a tre o quattro anni. Sarà diverso, gli investitori
cambieranno e si cercheranno prodotti più semplici".
    "Finché le banche centrali offriranno liquidità alle banche
a costi più bassi, questo terrà soffocato il mercato delle
cartolarizzazioni" avverte Bak.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia