GRAFICA- Btp e Bonos potrebbero ignorare rialzo tassi Fed

giovedì 21 agosto 2014 12:58
 

LONDRA, 21 agosto (Reuters) - Qualsiasi ipotesi rispetto alla tempistica di un rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve dovesse emergere nel corso del forum della banche centrali a Jackson Hole potrebbe alimentare i timori di un calo della domanda dei titoli di Stato della periferia dell'euro. Ma chi ha in portafoglio tali bond dovrebbe essere rassicurato dalla scarsa correlazione tra i rendimenti dei titoli di Stato italiani e spagnoli rispetto alla controparte americana.

Il simposio annuale dei principali banchieri centrali mondiali, al via oggi, è da sempre strettamente monitorato per le indicazioni che offre riguardo le prossime mosse di politica monetaria.

In particolare, il discorso della numero uno della Fed Janet Yellen, dedicato alla dinamica del mercato del lavoro, sarà passato al setaccio alla ricerca di segnali rispetto ai tempi che l'istituto americano intende seguire per alzare i tassi d'interesse, una decisione che avrà ripercussioni globali.

La Banca internazionale per i regolamenti e altre istituzioni hanno segnalato come l'acquisto massiccio di titoli ad alto rendimento e con basso rating negli ultimi anni potrebbe aver creato una bolla che potrebbe scoppiare quando il costo del denaro riprenderà a salire.

Nella zona euro, dove la politica monetaria ultra espansiva ha staccato la spina alla crisi dei debiti sovrani, tali preoccupazioni si concentrano sull'Italia e la Spagna, paesi "troppo grandi da salvare", i cui costi di finanziamento sono scesi con decisione a partire dal 2012.

Secondo le stime degli operatori di mercato, un rialzo dei tassi d'interesse da parte dalla Fed spingerà verso l'alto i rendimenti americani, ma questo trascinerà nella stessa direzione i rendimenti dei titoli di Stato dei Paesi della zona euro?

Le correlazioni storiche tra i due mercati mostrano che il debito tedesco è particolarmente sensibile ai movimenti dei Treasuries americani, mentre i titoli italiani e spagnoli ne sono poco sfiorati.

Per il grafico clic su link.reuters.com/jyw62w   Continua...