PUNTO 1-Ue, ministro Economia tedesco apre a maggiore flessibilità su deficit

lunedì 16 giugno 2014 18:33
 

(Accorpa pezzi, cambia dateline)

TOLOSA, Francia/BERLINO, 16 giugno (Reuters) - Sigmar Gabriel, ministro dell'Economia socialdemocratico nel governo di Angela Merkel, si mostra favorevole a dare tempi più lunghi per la riduzione del debito e del deficit a quei Paesi che assumono impegni concreti sul fronte delle riforme.

"Nessuno può accettare che i disavanzi restino al livello in cui sono ora, ma per ridurre i deficit abbiamo bisogno di crescita", ha detto stamani Gabriel durante un incontro a Tolosa con il suo omologo francese, il socialista Arnaud Montebourg.

"Una delle soluzioni potrebbe essere questa: i costi delle riforme non dovrebbero essere presi in esame nel calcolo del deficit Potremmo dare più tempo per fare le riforme e rispettare le regole di bilancio", ha aggiunto senza specificare a che tipo di costi si riferisca.

"Nessuno nel governo federale mette in questione il Patto di stabilità e crescita", ha spiegato successivamente per e-mail una portavoce del ministero dell'Economia tedesco. "Le regole esistenti offrono sufficiente flessibilità per consentire un consolidamento compatibile con la crescita".

Un secondo portavoce ha detto che i commenti di Gabriel non mettono in discussione le regole di bilancio europeo, e che il ministro ha fatto riferimento "solo alla possibilità per alcuni stati membri di usufruire di più tempo per ridurre il deficit in cambio di riforme concrete".

I governi Ue devono tenere il rapporto deficit/Pil sotto il 3%.

L'Fmi la settimana scorsa ha invitato l'Ue a semplificare le regole di bilancio e a concentrarsi sulla riduzione del debito.

L'Unione ha già spostato il focus dai deficit nominali ai deficit strutturali, che escludono gli effetti del ciclo economico.   Continua...