Ue, Francia deve rispettare regole su deficit

martedì 1 aprile 2014 13:23
 

ATENE, 1 aprile (Reuters) - La Francia non ha chiesto alle istituzioni Ue più tempo per ridurre il deficit di bilancio sotto il tetto del 3%, ma deve rispettare la scadenza del 2015.

Lo hanno detto oggi alcune delle massime autorità dell'Unione europea.

Il presidente francese Francois Hollande ha detto ieri che le elezioni di domenica scorsa, in cui i socialisti hanno perso il controllo di oltre 150 città, hammo mostrato la necessità di un "patto di solidarietà" che preveda taglio di tasse e assicurazioni su welfare, apprendistato giovanile ed educazione, da finanziare con tagli ridotti alla spesa.

"La Francia è consapevole dei propri impegni, hanno già avuto più tempo ed è necessario fare più lavoro", ha detto il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ad una conferenza stampa.

"Sono sicuro che il nuovo governo francese sarà consapevole dei proprio obblighi", ha aggiunto.

Anche il commissario alla Affari economici e monetari della Ue, Olli Rehn, ha detto che "è importante che la Francia proceda con gli aggiustamenti strutturali necessari".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia