Appello derivati Milano, pg contro richiesta difese nuova perizia

giovedì 30 gennaio 2014 13:28
 

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - Al processo di Appello per i derivati stipultati dal Comune di Milano, che si è aperto oggi nel capoluogo lombardo, il pg Piero De Petris si è opposto alla richiesta di una nuova perizia avanzata dalle difese, sostenendo che "i dati probatori sono assolutamente sufficienti".

"Vi sono sufficienti elementi di valutazione, il compito della corte è, se lo riterrà, di integrare, rivalutare e correggere, ma i dati probatori sono assolutamente sufficienti", ha detto il pg durante l'udienza.

Nelle motivazioni del ricorso in appello i difensori di Deutsche Bank, Depfa, Jp Morgan e Ubs - condannate nel dicembre 2012 a una multa di un milione di euro ciascuna e a una confisca complessiva di oltre 89 milioni - avevano chiesto una nuova perizia.

Il pg - che ha chiesto anche di respingere tutte le questioni di nullità presentate dalle difese - concluderà la sua discussione il prossimo 4 febbraio.

Nelle udienze del 6 e 11 febbraio sono previsti gli interventi delle difese.

Al termine del processo di primo grado per truffa, il giudice Oscar Magi aveva anche condannato a pene comprese fra i sei e gli otto mesi di carcere nove funzionari bancari dei 13 manager imputati, per quattro dei quali la procura aveva chiesto l'assoluzione.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

  Continua...