Italia, UniCredit vede Pil 2014 +0,7%, spread 180 pb a fine anno

lunedì 27 gennaio 2014 15:40
 

MILANO, 27 gennaio (Reuters) - L'economia italiana si espanderà dello 0,7% quest'anno, con un trend di riduzione dello spread tra Btp e Bund decennali che proseguirà per arrivare a 180 punti base a fine anno.

E' quanto prevede UniCredit nell'outlook per il 2014, presentato questo pomeriggio.

"In Italia la ripresa è iniziata, sebbene il ritmo di crescita del Pil rimarrà probabilmente limitato a un +0,7%" dopo un calo dell'1,8% l'anno scorso, si legge in una nota.

"UniCredit prevede una continuazione della ripresa delle esportazioni, una moderata crescita in macchinari e attrezzature, in un contesto di allentamento della stretta fiscale".

I consumi privati sono destinati a rimanere deboli, vista la risalita del tasso di risparmio, mentre il tasso di disoccupazione continuerà a crescere almeno fino a metà anno.

Il deficit scenderà sotto il 3%, mentre il rapporto debito/Pil imboccherà una traiettoria discendente dal 2015, dopo aver toccato quest'anno il 133,9%.

In un contesto di normalizzazione della crescita, attenuazione dei rischi sovrani e tassi di politica monetaria particolarmente bassi, gli spread tra tassi delle obbligazioni della zona euro continueranno quest'anno a ridursi, sebbene più lentamente rispetto all'anno scorso.

"Il target per lo spread Btp/Bund è di 180 punti base a fine anno", prevedono gli economisti di UniCredit.

(Elvira Pollina)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia