Grecia, Consiglio Stato boccia alcuni tagli salariali imposti da Troika-fonti

mercoledì 22 gennaio 2014 13:27
 

ATENE, 22 gennaio (Reuters) - Un'alta corte greca ha annullato i tagli salariali a polizia e forze armate imposti dal governo nel 2012 per adempiere alle richieste del piano di salvataggio di Europa e Fondo monetario.

E' quanto spiegato da diversi fonti governative e giudiziarie.

La decisione del Consiglio di Stato, la più alta corte amministrativa greca, potrebbe creare un buco fino a 500 milioni di euro nei conti pubblici, secondo quanto spiegato da un alto funzionario del ministero delle Finanze, complicando ulteriormente le già difficili relazioni con i creditori internazionali.

La decisione dell'incostituzionalità del taglio del 10% dei salari di poliziotti e soldati non è stata ancora resa pubblica ma è stata confermata da funzionari governativi e giudiziari dopo essere uscita sui media locali.

"Sono una parte fondamentale dello stato e quindi meritano una protezione speciale", ha detto un alto funzionario della corte a Reuters.

Anche la Corte Costituzionale portoghese aveva respinto alcune misure d'austerità approvate dal governo nel contesto del salvataggio.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia