Btp lievemente indeboliti, seguono Bund, Zew gennaio delude attese

martedì 21 gennaio 2014 12:32
 

MILANO, 21 gennaio (Reuters) - Leggera pressione sul
secondario italiano, che tende a muoversi in sintonia con i
benchmark tedeschi colpiti da realizzi dopo gli ennesimi minimi
di rendimento a dispetto dell'inattesa frenata dell'indice Zew
sulla fiducia della prima economia europea.
    Dalle sale operative assicurano però che il tono di fondo
del mercato resta positivo, il livello di liquidità più che
adeguato e l'appetito di carta elevato.
    Ad appesantire almeno temporaneamente le quotazioni sono i
mattinata nuovi 'rumor' sull'imminente offerta di un decennale
sindacato da parte della Spagna.
    "Sono voci che circolano da almeno una decina di giorni e
chiaramente esercitano qualche pressione... se l'operazione si
concretizzasse sarebbe probabilmente consistente in termini di
importo, considerato che è interesse non soltanto italiano ma
anche della Spagna puntare a un allungamento della vita media
del debito", spiega un operatore.
    "Finché il decennale italiano resta sotto 4% e lo spread su
questi livelli [poco sopra 200 pb sul Bund] la performance
assoluta del mercato italiano resta buona", aggiunge.
    Si è intanto conclusa con l'ennesimo calo dei rendimenti
l'ultima offerta a brevissimo di Madrid: un miliardo di carta a
6 mesi e 2,96 miliardi a 12 mesi collocati al tasso medio di
rispettivi 0,51% e 0,726% da 0,686% e 0,883% dell'asta
precedente. 
    L'interesse degli investitori si è concentrato in
particolare sulla scadenza semestrale, con un 'bid to cover'
pari a 5,1 da 2,9 di metà dicembre, mentre il rapporto di
copertura passa a 2,4 da 2,6.
    Prosegue intanto l'impostazione rialzista dei titoli
irlandesi, tornati con la promozione di Moody's venerdì scorso a
livello di 'investment grade'.
    In linea alle attese dei mercati finanziari e degli uffici
studi, il consueto rifinanziamento settimanale Bce si è tradotto
per il sistema delle banche europee in un'iniezione netta di
oltre 20 miliardi ottenuti a 0,25%.
    Chiesti e ottenuti da 212 istituti di credito, i nuovi fondi
dovrebbero contribuire a risollevare un livello della liquidità
in eccesso pari ieri sera secondo calcoli Reuters a 140 miliardi
da 135 miliardi di venerdì, a un soffio dai minimi da settembre
2011.
        
=========================== 12,30 ============================
FUTURES BUND MARZO          141,40   (-0,17)
FUTURES BTP DICEMBRE        117,10   (-0,28) 
BTP 2 ANNI (NOV 15)     103,460  (-0,027)  1,021%
BTP 10 ANNI (MAR 24)   105,874  (-0,252)  3,830%
BTP 30 ANNI (SET 44)   102,369  (-0,766)  4,657% 
========================= SPREAD (PB) ========================  
                                              ULTIMA CHIUSURA  
TREASURY/BUND 10 ANNI  110           108 
BTP/BUND 2 ANNI           85            85        
BTP/BUND 10 ANNI       207           206 
  livelli minimo/massimo            203,8-207,3  204,3-209,6   
BTP/BUND 30 ANNI       201           198 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   280,9         278,9  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   82,7          81,2
===============================================================
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia