Saccomanni in Usa per "segnale forte su privatizzazioni"

mercoledì 4 dicembre 2013 17:14
 

NEW YORK, 4 dicembre (Reuters) - Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni ha fatto il suo viaggio a New York per dare "un segnale forte" sulle privatizzazioni in Italia, ma non ha promosso singole società oggetto di nuovi collocamenti sul mercato.

Lo ha detto lo stesso Saccomanni nel corso di una conferenza stampa in consolato al termine del suo viaggio.

"Non sono venuto qui a fare un road show per singoli cespiti. Vogliamo dare un segnale forte sul capitolo privatizzazioni. Ma questo tema è stato toccato meno di altri come i crediti in sofferenza e la gestione del patrimonio immobiliare", ha detto Saccomanni alla domanda sulle privatizzazioni che prevedono anche il collocamento di un 3% di Eni.

Circa i crediti ha aggiunto: "Ho percepito la disponibilità degli operatori americani a gestire le problematiche dei crediti in sofferenza. In Italia non c'è necessità di creare un meccanismo di bad banks gestito con fondi pubblici. Ma c'è spazio per iniziative del settore privato. Il problema c'è. Se si trovasse il modo per liberare i bilanci delle partite in sofferenza, si potrebbe aprire la strada a nuovi prestiti".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia