PUNTO 1-Il governo riforma l'Isee, più peso al patrimonio

martedì 3 dicembre 2013 13:47
 

(Aggiunge dettagli)

ROMA, 3 dicembre (Reuters) - Il governo ha approvato il nuovo Isee, aumentando il peso del patrimonio nel calcolo della capacità reddituale delle famiglie italiane.

"Abbiamo completato e firmato tutto il percorso del nuovo Isee", ha detto il presidente del Consiglio, Enrico Letta, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

"Nel cambiamento si interviene in modo significativo a favore di famiglie e disabili", ha aggiunto.

L'Isee è l'indicatore della situazione economica equivalente ed è la base per disciplinare l'accesso a tutta una serie di prestazioni sociali: asili nido, mense scolastiche, borse di studio universitarie, sconti sugli abbonamenti di autobus e metrò.

La riforma è contenuta in un decreto della presidenza del Consiglio e, secondo le intenzioni del governo, dovrebbe rendere più facile il contrasto a quelli che Letta definisce i "falsi poveri" e, più in generale, ai contribuenti che accedono ai servizi senza averne i requisiti.

Il ministro del Welfare, Enrico Giovannini, spiega che ora "l'Isee considererà tutte le forme di reddito, comprese quelle fiscalmente esenti, dando un peso più adeguato alla componente patrimoniale".

Il valore degli immobili è rivalutato ai fini Imu anziché Ici. Il valore delle prime case è preso in considerazione solo per la parte che eccede il valore del mutuo. Nel calcolo della ricchezza entra anche il patrimonio all'estero.

L'Isee dovrebbe diventare "più tempestivo" nel fotografare la situazione delle famiglie. Giovannini dice che "non si guarderà soltanto alle dichiarazioni dell'anno precedente". Chi ha perso il lavoro potrà "calcolare un Isee corretto adeguando la condizione del nucleo familiare alle mutate condizioni economiche".   Continua...