PUNTO 3-Imu, comuni in rivolta. Tensioni nel centrodestra

giovedì 28 novembre 2013 17:35
 

* Imu, contribuenti devono versare almeno 250 mln

* Pisapia parla di "scontro istituzionale"

* Addizionale 8,5% su Ires per banche, assicurazioni (Aggiunge Pisapia a paragrafo 9)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 28 novembre (Reuters) - I comuni criticano il governo per il decreto che ha abolito la seconda rata Imu, divenuto terreno di scontro anche tra le due anime del centrodestra: Forza Italia e l'ala governativa di Angelino Alfano.

I sindaci chiedono all'esecutivo di rimborsare l'intero gettito del 2013, evitando quindi che i contribuenti siano chiamati a versare una parte del tributo a gennaio.

"Il governo faccia rapidamente chiarezza sulla seconda rata e onori gli impegni assunti con i contribuenti e i Comuni italiani", dice il presidente dell'Anci, l'associazione dei sindaci italiani, Piero Fassino.

Il decreto ha un valore di 2,15 miliardi ed elimina il saldo dell'Imu su abitazioni principali, fabbricati rurali e la parte coltivata dei terreni agricoli.

La manovra fiscale non copre tutto il gettito ulteriore atteso da quei comuni - ad esempio Milano tra le grandi città - che hanno aumentato le aliquote rispetto ai livelli del 2012.   Continua...