Forza Italia contro Legge Stabilità, esce da maggioranza

martedì 26 novembre 2013 17:29
 

ROMA, 26 novembre (Reuters) - Forza Italia, la rinata formazione del centrodestra guidata da Silvio Berlusconi, boccia la Legge di Stabilità ed esce dopo sette mesi dal governo di larghe intese di Enrico Letta.

"Siamo arrivati alla determinazione che non ci sono più le condizioni per collaborare con questo governo", ha detto l'ex ministro per lo Sviluppo economico Paolo Romani in una conferenza stampa al Senato.

Sulla carta Letta, grazie alla spaccatura del centrodestra, ha una maggioranza anche senza Forza Italia.

Ma secondo Romani, capogruppo a Palazzo Madama di FI, "se qualcuno pensa che Forza Italia sia irrilevante per la maggioranza di larghe intese si sbaglia di gran lunga".

Per il capogruppo degli azzurri alla Camera, Renato Brunetta, Forza Italia non voterà la fiducia sulla Legge di Stabilità" dal momento che non sono state accolte le richieste avanzate su "casa, Iva, concessioni demaniali, circolazione del contante, sicurezza, ecc".

"La politica economica è un totale fallimento", ha detto Brunetta.

Forza Italia si aspetta adesso che Letta e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano "valutino le conseguenze sul quadro di governo e sul quadro istituzionale".

(Paolo Biondi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia