25 novembre 2013 / 12:10 / 4 anni fa

Banche, decreto governo su backstop Italia atteso entro anno

di Giselda Vagnoni e Giuseppe Fonte

ROMA, 25 novembre (Reuters) - Il governo italiano dovrebbe mettere a punto entro l'anno un decreto legge cornice sulle linee di intervento dello Stato a sostegno di banche che abbiano bisogno di nuovo capitale.

Lo riferiscono fonti vicine al dossier mentre è scattato su 128 banche europee - le italiane sono 15 - l'esercizio della Banca centrale europea per valutare l'adeguatezza dei bilanci in vista del passaggio a Francoforte, dal novembre 2014, dell'attività di vigilanza.

Nel caso in cui la verifica della Bce riveli esigenze di capitale, la banca interessata dovrà cercare capitali sui mercati, tagliare i dividendi, vendere linee di business e/o trovare capitali da altre fonti private.

Nel caso in cui le azioni della banca non siano sufficienti, gli Stati membri dovranno intervenire con i cosiddetti backstop.

Tali interventi, come specificato dal consiglio Ecofin del 15 novembre, dovranno essere conformi alle nuove regole sugli aiuti di Stato e arrivare solo dopo che siano stati coinvolti nelle perdite azionisti e obbligazionisti. La Germania è riuscita infatti a imporre un intervento dell'Esm solo come strumento di ultima istanza.

"Da parte della Bce è già partita la richiesta di dati qualitativi e quantitativi alle banche interessate", ha detto il direttore generale dell'Abi Giovanni Sabatini in un seminario nel weekend.

"Sul backstop ci sarà un decreto del governo", ha aggiunto.

Due fonti vicine al dossier hanno riferito a Reuters che si dovrebbe trattare di un "decreto cornice da varare entro l'anno" e che "non è detto che ci sia una riapertura dei termini per l'emissione di Monti bond, anche perché nel frattempo le regole sugli aiuti di Stato sono cambiate".

Il meccanismo dei Monti bond utilizzato dal governo per il Monte dei Paschi ha previsto l'emissione da parte della banca toscana di obbligazioni a un tasso crescente dal 9% sottoscritte dal Tesoro e trasformabili in azioni se la banca non è in grado di pagare interessi e capitale.

IL NODO DEI CREDITI SUBORDINATI

In base alle nuove regole europee, scattate in estate, un intervento pubblico può aversi solo dopo che sono stati aggrediti capitali e prestiti subordinati, salvo eccezioni.

Per questa ragione il Monte dei Paschi è stato costretto dalla Commissione a rivedere il piano industriale messo a punto per ricevere il via libera sui Monti bond.

Una fonte del Tesoro ha detto a Reuters che "al momento l'Italia non ha accantonato fondi per eventuali backstop" e che "in materia ci sono diverse soluzioni allo studio per il futuro".

"L'Italia guarda all'evoluzione del confronto in Europa e aspetta che il negoziato si concluda. Anche perché le banche italiane sono solide e non ci si aspetta che emergano problemi dai risultati dell'Asset quality review", ha aggiunto la fonte di via XX Settembre.

Per quanto anche l'Abi si dica "serena sui risultati" ci sono ancora varie questioni aperte e così delicate da aver indotto il presidente della Bce Mario Draghi a scrivere una lettera agli Stati membri.

Nel caso in cui il fabbisogno di capitale emergesse dalla valutazione degli attivi, infatti, si tratterebbe di una mancanza reale, se invece emergesse dagli stress test si tratterebbe di una mancanza ipotetica che si realizzerebbe solo se si verificassero le condizioni di stress ipotizzate.

"Draghi ha avvertito che le perdite di capitale alla fine degli stress test sono solo ipotetiche e quindi sorgerebbero problemi legati in quasi tutti i Paesi, Italia inclusa, sui write off ai prestiti subordinati", ha spiegato Sabatini.

Anche di questo parleranno le banche italiane nella riunione convocata da Draghi oggi a Francoforte con tutti gli istituti di credito coinvolti nell'esercizio Bce.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below