PUNTO 1-Euro troppo forte per economia Ue, non aiuta - Tajani

venerdì 22 novembre 2013 11:49
 

(Aggiunge dichiarazione Tajani)

ROMA, 22 novembre (Reuters) - L'euro è troppo forte in questo momento e ciò non aiuta l'economia europea.

Lo ha detto oggi il vicepresidente della Commissione Ue con delega all'Industria, Antonio Tajani, auspicando anche nuove regole che consentano alla Banca centrale europea di incidere maggiormente sull'economia reale.

"Occorre ascoltare la voce di chi vuole far crescere un'Europa diversa anche con una moneta diversa. Lo dico a titolo personale perché non è la posizione della Commissione: l'euro è troppo forte per sostenere la competitività delle nostre imprese, oggi per alcune realtà industriali ma in futuro anche per quelle realtà industriali che non risentono oggi di questo problema", ha detto Tajani all'assemblea di Federcasse a Roma.

Il presidente della Bce Mario "Draghi sta lavorando benissimo, sta sostenendo l'economia reale nel modo migliore ma servono regole affinché la Bce lavori non solo per la stabilitá ma anche per l'economia reale come la Fed o la Banca del Giappone", ha aggiunto.

Tajani ha auspica che "l'Unione bancaria venga realizzata rapidamente" e sollecita gli Stati membri a rafforzare i mezzi della Banca europea per gli investimenti in modo che possa "dare più accesso al credito" alle piccole e medie imprese.

Quanto all'Italia, il vicepresidente della Commissione europea ha detto che nel quarto trimestre "potrebbe tornare a vedersi il segno più per il Pil dopo 9 trimestre negativi".

Tajani apprezza gli annunci di ieri sulle dismissioni pubbliche ma aggiunge che "l'Italia ha bisogno di avviare serie riforme: la strada è giusta, occorre continuare".

"Ci vuole molto coraggio e mi auguro che l'Italia abbia la forza per fare queste riforme", ha osservato Tajani.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia