Imu, cancellazione seconda rata 2013 è "imminente" - Baretta

lunedì 18 novembre 2013 11:19
 

ROMA, 18 novembre (Reuters) - È "imminente" il decreto legge che cancellerà la seconda rata Imu dovuta nel 2013.

Lo dice il sottosegretario al Tesoro Pierpaolo Baretta senza tuttavia sciogliere i molti nodi ancora aperti dell'operazione.

"I tempi del decreto sono imminenti, perché c'è bisogno di dare certezza ai contribuenti e ai comuni. Il Consiglio dei ministri dovrà sciogliere i nodi ancora aperti", ha detto l'ex sindacalista della Cisl a Radio1.

A fine agosto il governo si è impegnato a trovare 2,4 miliardi per eliminare la seconda rata dovuta nel 2013 su abitazioni principali, terreni agricoli e fabbricati rurali.

La difficoltà di garantire le coperture induce il Tesoro a fare pressioni sulla maggioranza per mantenere l'imposta sul comparto agricolo. Così il costo scenderebbe a 2 miliardi ma il Pdl è contrario.

"Pare che la seconda rata Imu non sarà cancellata per gli agricoli. Speriamo che il ministro [delle Politiche agricole Nunzia] De Girolamo si batta in Cdm per evitare che ciò accada", scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Quel che è certo, a pagare saranno banche e assicurazioni attraverso un nuovo aumento -- "oltre il 110%", conferma una fonte governativa -- degli acconti Ires e Irap di fine novembre.

Un altro aspetto riguarda il gettito che sarà restituito ai comuni: conterrà anche gli eventuali aumenti decisi da città come Milano e Napoli o si fermerà all'aliquota di base? "Non è possibile fare anticipazioni, bisogna aspettare il consiglio dei ministri", conclude Baretta.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia