PUNTO 1-Rifiuti, in collegato ambiente salta moratoria su inceneritori

venerdì 15 novembre 2013 15:49
 

* In testo approvato non c'è blocco di un anno a permessi nuovi impianti

* La tariffa sociale dell'acqua per i non abbienti finanziata dagli altri

* Via libera a unificazione commissioni Via a Aia su impatto ambientale (Aggiunge dettagli)

ROMA, 15 novembre (Reuters) - Il governo intende attuare un "momento di riflessione generale" sull'uso degli inceneritori per smaltire i rifiuti, ma salta invece il blocco di almeno un anno delle autorizzazioni di nuovi impianti, che il ministero dell'Ambiente avrebbe voluto inserire nel ddl in tema ambientale collegato alla legge di Stabilità, varato oggi dal Consiglio dei ministri.

Lo riferisce una fonte governativa.

Il ddl introduce anche una tariffa sociale per il consumo idrico destinato alle famiglie meno abbienti, finanziato dagli altri utenti con la creazione di una specifica componente in bolletta.

Nel disegno di legge ambientale il ministero è incaricato di individuare la "rete nazionale ed integrata ed adeguata di impianti di incenerimento dei rifiuti, in modo da disporre in pochi mesi di un quadro chiaro a livello nazionale degli impianti esistenti, di quelli in fase di realizzazione e del fabbisogno residuo", dice una nota del dicastero di Andrea Orlando.

Si tratta di definire "un quadro di pianificazione utile per superare le forti disomogeneità territoriali presenti a livello nazionale, completando la rete di impianti senza rischiare fenomeni di eccesso di offerta, come quelli che si registrano attualmente nel nord Europa".

Per il ministro, che ha parlato in una breve conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo la fine del Consiglio dei ministri, "bisogna capire quali impianti ci sono e se servono alla luce della crisi economica e dell'aumento della raccolta differenziata dei rifiuti".   Continua...