Saccomanni si aspetta da spending review taglio spesa 1 o due punti

venerdì 15 novembre 2013 14:00
 

BRUXELLES, 15 novembre (Reuters) - Il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, prefigura un contributo aggiuntivo alla legge di Stabilità di svariati miliardi dalla revisione della spesa pubblica affidata al neo commissario Carlo Cottarelli.

"Direi che uno o due punti percentuali (di contenimento della spesa), piu due che uno, è il punto di partenza in aggiunta a quanto è già stato previsto", ha risposto Saccomanni a chi gli chiedeva di quantificare i risparmi o nuove entrate attese dalle misure già messe in campo per il 2014 ma non ancora entrate formalmente nella Legge di Stabilità.

"Lo stesso Cottarelli ha già detto che il meccanismo di spending review, per come è concepito e strutturato in tutti i Paesi in cui si fa, deve ottenere risultati di contenimento della spesa pubblica misurabili in punti percentuali, non in frazioni", ha aggiunto il ministro.

Dal programma di privatizzazzioni, che il governo intende presentare "nei prossimi giorni", il Tesoro si aspetta di ricavare "diversi miliardi", ha proseguito Saccomanni.

Il governo, quindi, non retrocede dalla volontà di mantenere la "barra dritta" sulla riduzione del debito e del deficit "indipendentemente da condizionamenti politici".

Grazie alle misure in definizione - spending review, privatizzazioni ma anche riforma del fisco, rivalutazione del capitale della Banca d'Italia e il rientro dei capitali illecitamente detenuti all'estero - il deficit in rapporto al Pil nel 2014 sarà del 2,5% a fronte del 2,7% stimato dall'Ue, ha assicurato Saccomanni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia