PUNTO 2-Eni prezza doppio bond per 1,1 mld, forte interesse esteri

giovedì 14 novembre 2013 18:02
 

(Aggiunge dettagli, commenti dealer)

MILANO, 14 novembre (Reuters) - Sono stati prezzati rispettivamente a reoffer 99,957 e 103,779 le obbligazioni a 8 e 12 anni (quest'ultima è una riapertura) lanciate stamane da Eni , che hanno permesso al gruppo petrolifero di raccogliere complessivamente 1,1 miliardi per i propri fabbisogni ordinari, come spiega la società in una nota.

Il rendimento offerto dal bond novembre 2021, cedola 2,5%, è pari al 2,631%, con uno spread a 95 punti base sul mid-swap, da una prima indicazione a 100 punti. Il rendimento offerto riapertura del bond settembre 2025, già emesso per 900 milioni, è del 3,356%, per uno spread di 115 punti base sul mid-swap da una prima indicazione a 120.

Secondo Ifr, servizio Thomson Reuters, i book sono stati chiusi da Eni con ordini complessivi sulle due emissioni superiori ai 2,5 miliardi di euro.

"In un contesto di mercato come quello di questi giorni, abbiamo voluto un premio sul valore di emissione più basso possibile. Questo ha prodotto bid-to-cover non stellari ma ci ha permesso di avere un book di qualità", spiega a Reuters un delaer coinvolto nell'operazione.

Le emissioni sono state sottoscritte per la maggior parte da investitori internazionali, soprattutto francesi e tedeschi, aggiungge il dealer, mentre gli italiani si sono aggiudicati il 15-20%. L'interesse è giunto soprattutto da investitori real money, con una prospettiva di investimento di lungo termine.

A gestire le emissioni sono state Barclays, Goldman Sachs, Mediobanca, Morgan Stanley, Societe Generale e Unicredit.

TORNA APPETITO PER EMISSIONI BENCHMARK PERIFERIA

Dopo alcune settimane di forte attività sul mercato primario corporate dei paesi 'core' della zona euro, negli ultimi giorni gli analisti hanno indicato un ritorno di interesse degli investitori per la carta periferica, capace di garantire rendimenti più elevati.   Continua...