Stabilità interna Germania ha senso se serve a crescita in Europa - Letta

lunedì 11 novembre 2013 11:15
 

ROMA, 11 novembre (Reuters) - Le discussioni in corso in Germania per la formazione di un governo di coalizione faranno prevalere la linea europeista più lungimirante.

Ne è convinto il presidente del Consiglio, Enrico Letta, Che ha parlato a Malta durante la conferenza con il premier maltese Joseph Muscat.

"Guardiamo tutti con grande attenzione al negoziato in corso in Germania sulla formazione del nuovo governo, perché quello che verrà deciso sarà molto importante", ha detto Letta.

"L'auspicio è che porti a una politica economica, una politica europea che consideri come prioritaria anche per la Germania la ripresa della crescita in Europa", ha aggiunto Letta sottolineando che "se la crescita e la stabilità ci sono solo in Germania e il resto d'Europa è in una situazione di declassamento, alla fine questo torna male anche per la stessa Germania".

Secondo Letta "la stabilità interna della Germania ha senso se aiuta la crescita e la stabilità in Europa".

Il premier italiano ha detto che avrà occasione di ribadire questi messaggi durante due occasioni in Germania, al congresso dell'Spd e al forum della Sueddeutsche Zeitung.

"Questa è la politica che abbiamo intenzione di fare e sono sicuro che in Germania prevarrà questa linea lungimirante. So che la discussione sulla formazione della coalizione è dura e non semplice", ha aggiunto con un riferimento alla sua esperienza personale di premier di una grande coalizione.

"Posso testimoniare che non è una passeggiata, capisco che abbiano bisogno di tempo per definire le loro scelte e le loro decisioni, ma sono convinto che in Germania prevarrà la linea europeista".

Letta auspica che questo accada in Germania e dice che l'Italia si batterà "per un semestre di presidenza che faccia scattare la parola crescita come guida in Europa. Ci rivolgiamo a tutti i grandi Paesi europei".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia