6 novembre 2013 / 16:38 / 4 anni fa

PUNTO 1-Btp Italia collocato per 22,3 mld, record europeo

(aggiunge commenti, background)

di Gabriella Bruschi

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Costituisce un nuovo record, inatteso, l'ammontare collocato per il nuovo Btp Italia novembre 2017, pari a 22,27 miliardi di euro. L'offerta di oggi si è chiusa - alle 14 - con ordini per 5,43 miliardi di euro , che si sommano ai 16,84 miliardi raccolti nella seduta di ieri.

Si tratta di un "record assoluto in Europa per un collocamento diretto sul pubblico retail e un record storico per contratti e controvalore in una singola giornata (5 novembre) sul Mot" dice una nota di Borsa Italiana.

Il record precedente, relativo al Btp Italia era di 18 miliardi, raccolti lo scorso autunno, nei quattro giorni di offerta, per il BTPi ottobre 2016.

Il Tesoro ha comunicato stasera il valore definitivo della cedola, che conferma la cedola minima del 2,15% per il titolo che verrà trattatao sul Mot da martedì 12 novembre.

Nonostante i timori di deflazione, "l'ulteriore garanzia del capitale nominale a scadenza mette gli investitori al riparo da ogni evenienza" commenta Claudia Segre, segretario generale Assiom Forex. "Il Tesoro che aveva già il 90% del tasso di copertura sul totale del funding 2013, vede drasticamente ridimensionarsi il residuo da finanziare. La tentazione di fare prefunding rispetto alle necessità del 2014 potrebbe realizzarsi ma è presto per dirlo".

Secondo Luca Cazzulani, strategist di Unicredit, "il grande successo di questa operazione conferma l'appetibilità di questo strumento e l'interesse in generale per la carta italiana".

TITOLO CONVENIENTE NONOSTANTE PROSPETTIVE INFLAZIONE BASSA

Il nuovo Btp Italia, sebbene abbia la cedola più bassa del comparto, offre comunque un buon pick up sia rispetto ai Btp nominali, sia rispetto ai BTPei.

La cedola più elevata è stata quella del BTPi giugno 2016 (3,55%), seguita da quella dell'ottobre 2016 (2,55%). Tutti i Btp Italia hanno visto forti acquisti anche dopo il collocamento e quotano tutti sopra la pari.

"Poterne acquistare uno nuovo alla pari, e in più con il premio fedeltà, è stato visto come una buona opportunità, sia per i privati, ma anche per gli istituzionali" dice un dealer.

Il nuovo Btp Italia oggi mostra una break-even-inflation (BE) di circa 33 punti base, calcolata con la differenza tra la cedola e il rendimento del Btp nominale di pari scadenza, il Btp novembre 2017 che quota oggi 2,48%. E' sufficiente quindi che l'inflazione sui quattro anni di durata di questo titolo stia sopra lo 0,32% perchè ci sia convenienza all'acquisto.

Sul mercato degli inflation swap l'inflazione media sui quattro anni quota attorno allo 0,80%

Ma questo titolo è più redditizio anche rispetto al BTPei di pari scadenza che quota una BE di 78 punti base.

"La struttura di questo titolo piace ai privati perchè l'inflazione viene pagata nel corso della vita del titolo invece che alla fine [come accade per il BTPei]" dice ancora Cazzulani. "Ma piace anche agli istituzinali - per lo più interessati al comparto del tasso fisso, poichè comunque offre un pick up rispetto ad esso".

OTTIMA RACCOLTA PERMETTERA' RIDUZIONE PROSSIME ASTE

Occorrerà vedere come il Tesoro sfrutterà questa raccolta andata oltre le sue attese per quasi 14 miliardi.

Sul mercato si fanno diverse ipotesi, dalla cancellazione delle aste di dicembre al pre-funding per il 2014.

Secondo stime di Unicredit, con la raccolta odierna "il Tesoro potrebbe non rinnovare due Bot flessibili in scadenza a dicembre per un totale di 8,5 miliardi, inoltre potrebbe ridurre le prossime aste Bot del 2013 rispetto alla scadenza e infine tagliare le aste a medio lungo di metà dicembre.

Ieri Maria Cannata, responsabile della gestione del debito italiano, ha detto in un'intervista che l'importo di questa emissione potrebbe "consertirci di usare verso la fine dell'anno la facoltà di ridurre la percentuale delle riaperture dedicate agli specialist per i Bot".

Cannata nella stessa intervista ha dettoche nel 2013 il Tesoro, pre-Btp Italia, ha già emesso 422 miliardi, totale che sale quindi oggi in area 445 miliardi rispetto a un obiettivo annuo di 470 miliardi.

Resta il problema della scadenza di un ammontare così grande sul 2017, anno che già ha molti titoli in scadenza.

Già questa primavera Cannata si era posta il problema , ipotizzando una scadenza diversa da quella dei quattro anni o un "meccanismo di riparto".

Quello di stamane è il quinto Btp indicizzato all'inflazione italiana emesso dal Tesoro italiano. Il primo Btp Italia è stato emesso nel marzo dello scorso anno per 7,3 miliardi, seguito dal giugno 2016 per 1,7 mld, dall'ottobre 2016 per 18 miliardi e dall'aprile 2017 per 17 miliardi per un totale di circa 44 miliardi che sale ora a oltre quota 66.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below