Btp in vista di recenti massimi su Bund, spread 240pb dopo voto tedesco

lunedì 23 settembre 2013 12:13
 

MILANO, 23 settembre (Reuters) - Secondario italiano in
frazionale discesa ma sostanzialmente solido rispetto alla
controparte Bund in avvio di settimana, mentre gli investitori
si sforzano di metabolizzare il voto tedesco e l'evoluzione del
dibattito Iva/Imu.
    A completare il quadro il risultato confortante della prima
stima sul Pmi di settembre, che conferma la tendenza al
progressivo consolidamento a livello di zona euro.
    Sicuramente incoraggiante per la periferia d'Europa anche la
promozione da 'negativo' a 'stabile' dell'outlook sul rating
sovrano irlandese - peraltro ancora a livello di 'junk' - varata
venerdì sera da Moody's.
    "A livello di politica interna la situazione non è certo
delle migliori: la saga Iva non ci mette in buona luce con
l'Europa, senza contare i numeri - paraltro scontati - emersi
venerdì dall'aggiornamento del Def o lo spettro di dimissioni di
Saccomanni" commenta un operatore.
    Ha invitato il titolare all'Economia a restare al suo posto
in un'intervista a 'Repubblica' il responsabile per le
Infrastrutture Maurizio Lupi.
    In visita a Milano, lo stesso ministro promette entro "due o
tre giorni" una soluzione sull'aumento Iva che dovrebbe scattare
a ottobre. 
    L'attenzione dei mercati finanziari si concentra comunque
soprattutto sulla vittoria di Angela Merkel, arrivata al terzo
mandato sfiorando la maggioranza assoluta.
    "Con il 41,5% dei consensi, Angela Merkel ottiene 311 seggi
su 630 e si trova nella difficile posizione di dover formare un
governo di larghe intese con i socialdemocratici dell'Spd, dove
vi sono forti resistenze interne a un'intesa con i
cristiano-democratici. Le negoziazioni potrebbero perciò essere
lunghe e tormentate" si legge nella nota quotidiana dell'ufficio
studi Intesa Sanpaolo, che ricorda come per formare la 'grosse
koalition' del 2005 sono occorsi 65 giorni.
    " Un cambio di coalizione non modificherà l'approccio
gradualista alla gestione della crisi del debito nell'Eurozona.
I due partiti, divisi sulle questioni interne, sono invece più
allineati sulle questioni europee" aggiunge la nota.
    Dopo la pesante sconfitta degli alleati liberali Fdp, ai
cristiano-democratici spetta ora di convincere la Spd ad
accettare una nuova grande coalizione.
    "Un risultato tendenzialmente positivo per i mercati
periferici, la cui recente performance è comunque migliorate, ma
in ampia parte scontato" commenta lo strategist Kbc Piet
Lammens. 
   "Grazie al voto tedesco potrebbe tornare finalmente in gioco
l'Europa... potrebbero esserci delle aperture sull'unione
bancaria o su una nuova tranche di aiuti alla Grecia" conclude.
     
=========================== 12,10 =============================
FUTURES BUND DICEMBRE       138,16   (-0,16)
FUTURES BTP DICEMBRE        111,24   (-0,09)        
BTP 2 ANNI (GIU 15)     102,226  (-0,005)  1,687%  
 
BTP 10 ANNI (MAG 23)   101,887  (-0,081)  4,302% 
BTP 30 ANNI (SET 40)    99,9321 (-0,531)  5,109%  
========================= SPREAD (PB)========================== 
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   83            85 
BTP/BUND 2 ANNI          148           151        
BTP/BUND 10 ANNI       239           239  
livelli minimo/massimo              238,2-242,2  237,4-245,7   
BTP/BUND 30 ANNI       234           230        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   261,5         260,1   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   80,7          76,5      
============================================================== 
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia