PUNTO 2-Iva, governo cerca soluzione. Tensioni su Saccomanni

lunedì 23 settembre 2013 13:24
 

* Saccomanni minaccia dimissioni. Ue: serve stabilità

* Lupi (Pdl) è ottimista su soluzione in due o tre giorni

* Fassina (Pd): mantenere l'Imu sulle case di maggior valore (Aggiunge Ue a sesto paragrafo, contesto)

di Giulio Piovaccari e Giuseppe Fonte

MILANO/ROMA, 23 settembre (Reuters) - Il governo non ha ancora rinunciato a trovare il miliardo di coperture necessario per sospendere l'aumento dell'Iva dal primo ottobre al 31 dicembre.

L'Iva "è una questione politica e a noi spetta il compito di trovare le soluzioni. E credo che in questi due o tre giorni si troveranno le soluzioni", ha detto il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi (Pdl), a margine dell'assemblea Ance a Milano.

Rinviare al 2014 la stretta fiscale sui consumi "è un'ipotesi plausibile" anche per il vice di Fabrizio Saccomanni all'Economia in quota Pd, Stefano Fassina.

Intervistato da Radio 24, Fassina dice che gli spazi di manovra sul bilancio sono scarsi e torna a chiedere di "riconsiderare la seconda rata dell'Imu", mantenendo l'imposta sul 10% delle abitazioni principali di maggior valore.

In un colloquio con il Corriere della Sera di ieri, Saccomanni ha minacciato le dimissioni se le pressioni di Pd e Pdl dovessero compromettere l'impegno a ridurre il rapporto deficit/Pil del 2013 al 3 dal 3,1% tendenziale, una manovra da quasi 1,6 miliardi.   Continua...