PUNTO 1-Deficit, Saccomanni assicura rapida manovra per riportarlo entro 3%

venerdì 20 settembre 2013 15:55
 

* Ue chiede manovra su saldo 2013 prima di novembre

* Governo mostra ottimismo su ripresa già da fine anno

* Tesoro vede spread in calo fino a 100 pb nel 2016 (Accorpa pezzi e aggiunge contesto)

di Giuseppe Fonte e Roberto Landucci

ROMA, 20 settembre (Reuters) - Il governo si impegna a ridurre "rapidamente" l'indebitamento netto del 2013 al 3% dal 3,1% del Pil per rassicurare l'Europa ed evitare nuove tensioni sui mercati finanziari.

"È importante che questo lieve scostamento venga corretto rapidamente perché è un dato attentamente monitorato dall'Europa e bisogna dare l'impressione che questa sia una leggera deviazione", ha detto il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, presentando a Palazzo Chigi la Nota di aggiornamento al Def, il Documento di economia e finanza.

La Commissione europea prende atto delle rassicurazioni italiane e sollecita Roma ad adottare la manovra correttiva "prima di novembre", quando aggiornerà le sue previsioni.

Il Tesoro ha ridotto a -1,7% dal -1,3% di maggio la previsione sull'andamento del Pil nel 2013. Il nuovo quadro previsivo è coerente con quanto prevede Confindustria (-1,6/-1,7%) ma più ottimistico di quello indicato da Bankitalia (-1,9%), Fitch (-1,8%), Ocse e Fmi (-1,8%).

"Le prospettive della ripresa nel quarto trimestre del 2013 e poi nel 2014 sono assolutamente solide", ha detto l'ex direttore generale della Banca d'Italia indicando in +1% il tasso di crescita del 2014.   Continua...