PUNTO 1-Berlusconi: si può fare politica anche senza essere in Parlamento

mercoledì 18 settembre 2013 18:53
 

* In videomessaggio di 16 minuti nessun riferimento a governo e suo futuro

* Durissimo contro giudici, annuncia richiesta revisione condanna Mediaset

* Considera scontata la decadenza: non è il seggio che fa il leader (Unifica pezzi, aggiunge dichiarazioni)

di Paolo Biondi

ROMA, 18 settembre (Reuters) - Un duro attacco alla magistratura, l'invito a sostenere il rilancio di Forza Italia contro l'antipolitica, l'annuncio che continuerà a fare politica anche da decaduto, fuori dal Parlamento.

Sono questi i contenuti del videomessaggio di Silvio Berlusconi inviato nel pomeriggio alle televisioni e che dura circa 16 minuti.

La prima parte è stata una requisitoria contro i giudici, con riferimenti ai suoi processi, compresa l'ultima sentenza di condanna definitiva su Mediaset. Berlusconi, oltre a dichiararsi innocente, ha detto di non considerarla definitiva e di intendere appellarsi "nei tempi giusti" sia in Italia sia in Europa per una sua revisione.

Berlusconi dice che in Italia "la magistratura si è trasformata in un contro potere dello Stato, capace di influenzare il potere esecutivo", per concludere che "in questo Paese non c'è più la certezza del diritto. Siamo diventati una democrazia dimezzata".

Poi il riferimento al processo Mediaset: "Io non ho commesso alcun reato: io sono innocente, io sono assolutamente innocente". Fino ad annunciare che la battaglia legale proseguirà malgrado la sentenza sia definitiva: "E' una sentenza che è politica, ma che potrebbe non essere definitiva perché nei tempi giusti mi batterò per ottenere la revisione in Italia e in Europa". Questo malgrado "la sinistra" continui a dire che la sentenza è definitiva, quella sinistra "dell'invidia, del risentimento e dell'odio".   Continua...