General Motors, Tesoro Usa taglia partecipazione al 7,3%

mercoledì 18 settembre 2013 16:24
 

18 settembre (Reuters) - Il Tesoro degli Stati Uniti ha venduto un altro pacchetto di azioni di General Motors, riducendo la quota al 7,3%.

Washington punta a uscire definitivamente dal capitale della casa automobilistica entro la fine di marzo.

Il Tesoro ha venduto più di 110.000 azioni tra il 6 maggio e il 13 settembre, reccogliendo oltre 3,82 miliardi di dollari, si apprende da documenti pubblicati oggi.

Il governo Usa, che in origine aveva una quota del 60,8% in GM nel quadro del piano di salvataggio da 49,5 miliardi di dollari del 2009, ha recuperato circa 35,4 miliardi di dollari.

La quota residua del Tesoro ha un valore di circa 3,7 miliardi di dollari. Se vendesse ora, Washington perderebbe circa 10 miliardi di dollari nell'operazione di salvataggio della casa di Detroit.

Alcuni funzionari del Tesoro hanno anticipato che il governo perderà circa 15 miliardi di dollari sugli 85 miliardi investiti nel piano di salvataggio del settore auto, ma l'intenzione era quella di salvare i posti di lavoro, non realizzare un profitto.

Gli analisti hanno ipotizzato che, una volta uscito in Tesoro, GM potrà prendere in considerazione il ripristino della dividendo, assente dal maggio 2008.

I governi del Canada e dell'Ontario nel settembre scorso hanno detto che avrebbero venduto quasi un quarto della quota di GM, come parte di un piano a lungo termine per uscire.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia