Cipro, troika sottolinea rischi programma salvataggio

mercoledì 18 settembre 2013 15:17
 

BRUXELLES, 18 settembre (Reuters) - Cipro ha ottenuto importanti progressi nella ristrutturazione del sistema bancario e sul percorso delle riforme strutturali necessarie all'economia, ma questo non significa che per il Paese mediterraneo non restino numerosi rischi.

Lo si legge nell'ultimo rapporto a cura dei creditori internazionali - la cosiddetta troika - di Commissione europea, Fondo monetario internazionale e Bce, chiamati a una valutazione delle misure messe a punto finora da Nicosia in risposta alle richieste europee.

Lo studio mette in evidenza che sono stati adottati provvedimenti importanti e si sta procedendo alla graduale rimozione delle misure di controllo sui capitali.

Per il prodotto interno lordo cipriota la stima è però di una contrazione di 13% nel biennio 2013/2014, prima di un ritorno a una graduale espansione nel 2015.

Altra grave emergenza deriva dall'elevato tasso di disoccupazione che rende ardua la piena messa a punto delle riforme economiche.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia