Spagnola Pescanova proporrà a banche haircut 75% sul debito - fonte

mercoledì 18 settembre 2013 13:44
 

MADRID, 18 settembre (Reuters) - Pescanova chiederà alle banche creditrici di accettare delle perdite comprese tra il 70 e il 75% sui loro prestiti effettuati al gruppo spagnolo in stato di insolvenza.

Lo ha detto uan fonte vicina alla situazione.

Il nuovo AD del colosso galiziano del settore ittico, Manuel Urgoiti, inconterà oggi le banche per discutere un piano per riammettere in borsa il gruppo che lo scorso aprile ha chiesto la protezione in Tribunale contro la bancarotta dopo che una revisione dei conti da parte di Kpmg aveva fatto emergere un indebitamento di 3,6 miliardi di euro.

Tra i creditori di Pescanova figurano Sabadell, Popular, Caixabank e l'istituto nazionalizzato NovaGalicia. Non è nota l'esposizione di questi istituti.

Anche l'italiana Ubi è esposta nei confronti del gruppo spagnolo con posizioni a rischio complessivamente per 89,2 milioni lordi, e 67,2 milioni al netto delle rettifiche.

Intanto la società di revisione PwC sta mettendo a punto un piano di ristrutturazione per Pescanova che dovrebbe includere la cessione di asset e lo scambio del debito con azioni e che, indipendentemente dal potenziale haircut del debito, dovrebbe portare le banche a controllare il gruppo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia