Btp chiudono a massimi seduta, spread con Germania a 258 pb, con Spagna a 3 pb, ricoperture

lunedì 16 settembre 2013 17:45
 

MILANO, 16 settembre (Reuters) - Il mercato obbligazionario
chiude ai massimi di seduta, continuando il trend visto già
stamane in un movimento che gli operatori tendono ad attribuire
a una correzione tecnica. 
    Stamane prevaleva la tesi - a giustificazione del rialzo -
che i mercati avessero tirato un sospiro di sollievo alla
notizia del ritiro della candidatura al Fomc della Fed di Larry
Summers, sostenitore di una rapida exit-strategy monetaria Usa. 
    "Ma poi gli acquisti sono continuati anche nel pomeriggio e
quindi si inizia a pensare che gli investitori si siano accorti
che i rendimenti erano un po' troppo elevati e occorreva
correggere", dice Luca Jellinek, strategist di Credit Agricole.
    Secondo i dati TradeWeb, il differenziale di
rendimento Italia/Germania sul tratto decennale in serata si è
portato sui minimi di seduta in area 258 punti base, sotto i 263
pb della chiusura di venerdì sera, quando era arrivato a 270 pb,
record da inizio agosto coincidente con la condanna definitiva
di Silvio Berlusconi.
    Il tasso sul dieci anni maggio 2023 si attesta
a 4,46% dal 4,58% della chiusura di venerdì.
    Si è decisamente ridotto il divario tra il rendimento del
decennale italiano e quello spagnolo: dopo essersi allargato
fino a una decina di punti base, stasera si è ristretto a soli 3
punti base.
     Il riavvicinamento tra i rendimenti dei benchmark decennali
di Italia e Spagna si è concluso martedì scorso con
l'azzeramento dello spread, per la prima volta da marzo 2012. 
     Ben Bernanke finirà il suo mandato a fine gennaio e Jane
Yennen, già numero due di Bernanke, è considerata ora la
favorita, anche perchè potrebbe godere - più di quanto avesse
potuto Summers, dell'appoggio politico. Yellen è ritenuta più
moderata, sulle orme di Bernanke. Domani e mercoledì si riunisce
il Fomc della Fed e le attese sono per l'annuncio - mercoledì
sera - della prima riduzione di stimolo monetario, la cui
consistenza sarà determinate per la tenuta dei mercati. 
    Altro tema che ha influenzato positivamente il mercato è la
notizia che ieri in Baviera l'Unione dei Cristiano-sociali
(Csu), alleata della Cdu della Merkel, ha ottenuto una
percentuale di gradimento di 49%, riconquistando la maggioranza
assoluta persa nel 2008 (43,4%). Deludente invece il risultato
degli altri alleati della cancelliera, i liberali, che sono
crollati al 3%, al di sotto della soglia di sbarramento del 5%.
Dunque ora l'attenzione è per le strategie e le allenze che
possano consentire una robusta Grande Coalizione.
    Sempre presente, è la situazione politica italiana, con
l'incertezza legata alla possibilità che il Pdl tolga la fiducia
al governo Letta. Mancano poco più di 48 ore al primo voto nella
Giunta del Senato dove si deciderà parte del futuro di
Berlusconi e resta aperto il dibattito intorno a vari
temi-corollario: interpretazione della legge Severino, voto
palese o segreto sulla decadenza, la possibile presenza di
"franchi tiratori" nei due schieramenti. 

    
=========================== 17,30============================
FUTURES BUND DICEMBRE       138,49   (+0,50)
FUTURES BTP DICEMBRE        109,85   (+0,87)        
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,865  (+0,153)  1,912%  
 
BTP 10 ANNI (MAG 23)   100,675  (+0,806)  4,459% 
BTP 30 ANNI (SET 40)    98,611  (+0,675)  5,160%  
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   92            97 
BTP/BUND 2 ANNI          174           180        
BTP/BUND 10 ANNI       258           263  
livelli minimo/massimo              257,9-269,2  245,5-270,4   
BTP/BUND 30 ANNI       246           248        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   254,7         256,3   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   70,1          64,1      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia