PUNTO 2-Bce vede rischi crescenti su rispetto target deficit Italia

giovedì 12 settembre 2013 12:46
 

* Giovannini dice che governo ha chiari i rischi, lavora per evitarli

* Spread raggiunge massimi da 28 agosto, trader citano quadro macro

* Tesoro colloca tutti i 7,5 miliardi in aste medio lungo a tassi in rialzo (Aggiunge commento Giovannini, risultati aste, aggiorna spread)

di Stefano Bernabei

ROMA, 12 settembre (Reuters) - L'andamento del fabbisogno del bilancio pubblico in Italia segnala rischi crescenti sulla capacità di centrare l'obiettivo di disavanzo al 2,9% rispetto al Pil.

Lo dice la Banca centrale europea nel suo Bollettino mensile e il ministro del Welfare Enrico Giovannini replica che il governo ha chiari questi rischi e sta lavorando per evitare che lo sfondamento dei target si concretizzi.

"In Italia, le informazioni preliminari sull'esecuzione del bilancio dello Stato in base ai dati di cassa fino a luglio 2013 indicano un fabbisogno finanziario cumulato di 51 miliardi di euro (3,3% del Pil), in aumento da quasi 28 miliardi (1,8% del Pil) nello stesso periodo del 2012", dice la Bce nel Bollettino.

"Il peggioramento, dovuto soprattutto all'erogazione di sostegno al settore finanziario e al rimborso di arretrati, mette in risalto i rischi crescenti per il conseguimento dell'obiettivo di disavanzo delle amministrazioni pubbliche nel 2013 (2,9% del Pil)", aggiunge la Bce.

Parlando a margine di un convegno a Roma Giovannini, ex capo statistico dell'Ocse, ha detto che è stato lo stesso ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni a dar voce ad analoghe preoccupazioni da parte del governo italiano, che proprio per questo ha previsto clausole di salvaguardia.   Continua...