PUNTO 1-Verizon prezza bond record da 49 mld dollari

mercoledì 11 settembre 2013 18:28
 

(aggiunge condizioni prezzo)

NEW YORK/LONDRA, 11 settembre (Reuters) - Verizon Communications ha lanciato oggi l'atteso prestito dell'importo di 49 miliardi di dollari suddiviso in otto tranche, i cui proventi serviranno almeno in parte a finanziare l'acquisizione da 130 milioni di dollari delle attività Verizon Wireless da Vodafone.

La tranche a tasso fisso 15 settembre 2016 da 4,25 miliardi ha una cedola di 2,5% e un prezzo di 99,923; quella a tasso variabile 15 settembre 2016 da 2,25 miliardi un prezzo alla pari e un coupon di 153 punti base superiore al Libor a tre mesi.

Le due tranche 14 settembre 2018 sono la prima a tasso fisso da 4,75 miliardi, cedola 3,65% e prezzo 99,996 e la seconda floater da 1,75 miliardi, prezzo 100 e coupon 175 punti base sul Libor a tre mesi.

Le rimanenti quattro tranche hanno scadenza rispettivamente 15 settembre 2020, 15 settembre 2023, 15 settembre 2033 e 15 settembre 2043, per un importo di 4 miliardi la prima, 11 miliardi la seconda, 6 miliardi la terza e 15 miliardi l'ultima.

Il tasso è fisso e le cedole sono di 4,5% sul titolo settembre 2020, prezzo 99,87 con un rendimento di 215 punti base su Treasury, 5,15% sul titolo 2023, prezzato a 99,676 per un rendimento di 225 punti base sul benchmark Usa, 6,4% sul settembre 2033 prezzato a 99,9 a rendimento di 250 tick sul Treasury e 6,55% sulla tranche settembre 2043, per cui il prezzo è di 99,883 e lo spread di 265 punti base sempre sull'analogo benchmark Usa.

Si tratta del nuovo record per un'obbligazione corporate.

L'importo della transazione è stato fissato sul livello più elevato della forchetta di 45-49 miliardi inizialmente indicata a fronte di ordini superiori ai 100 miliardi di dollari. Una domanda tanto vivace ha inoltre escluso l'ipotesi che l'emittente offrisse anche una parte del prestito in euro e sterline, come in un primo tempo ipotizzato, deludendo le aspettative di alcune categorie di investitori.

"L'assegnazione di bond denominati in dollari ad account europei non è di solito particolarmente soddisfacente... speravo in un'offerta anche in sterline ed euro" commenta un investitore basato a Londra.   Continua...