PUNTO 1 - Debiti Pa, Letta vuole accelerare rimborsi in autunno

giovedì 4 luglio 2013 14:02
 

(Aggiunge contesto e Zanonato in coda)

ROMA, 4 luglio (Reuters) - Accogliendo in parte le richieste del Pdl, il presidente del Consiglio Enrico Letta si è assunto l'impegno ad accelerare in autunno la liquidazione dei debiti commerciali accumulati dalla pubblica amministrazione.

È quanto riferisce una fonte governativa illustrando l'esito del vertice di questa mattina tra governo e maggioranza a Palazzo Chigi.

Il decreto 35, varato dal precedente governo di Mario Monti lo scorso aprile, ha definito i termini per liquidare alle imprese quasi 40 miliardi in 12 mesi: ai 20 miliardi del secondo semestre di quest'anno se ne sommeranno altrettanti nella prima metà del 2014.

I primi 20 miliardi incidono per 7,7 miliardi su deficit e debito e per 12,3 miliardi solo sul debito. I 20 miliardi del 2014 aumenteranno solo il debito pubblico.

Da giorni il Pdl chiede di liquidare nel secondo semestre del 2013 tutti i 40 miliardi e oggi su Twitter il vice presidente del Consiglio, Angelino Alfano, ha rilanciato la proposta a pochi minuti dall'inizio del vertice.

Concentrare l'erogazione dei 40 miliardi nel 2013 appesantirebbe il debito in misura di pari ammontare, mentre l'impatto sul deficit resterebbe sostanzialmente pari a mezzo punto di Pil.

Già ieri il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, aveva fornito una limitata apertura al Pdl subordinando l'operazione ai margini per il collocamento di ulteriori titoli di Stato e alla disponibilità delle banche di comprare le fatture pendenti dalle imprese.

Si è mostrato scettico invece il ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato, che questa mattina ai microfoni di Radio Anch'io aveva detto: "Non so se si può fare. Non è cattiva volontà, ma c'è un problema tecnico".   Continua...