Btp ancora debole in attesa Bce, ulteriore lieve rialzo spread

giovedì 4 luglio 2013 12:41
 

MILANO, 4 luglio (Reuters) - Il secondario italiano appare
debole in attesa della riunione della Bce e soprattutto della
successiva conferenza stampa. 
    "I tassi salgono ma lo spread è abbastanza stabile, o
meglio, si allarga più limitatamente rispetto al rialzo degli 
spread. Questo perché anche i Bund sono in calo", dice
Alessandro Giansanti, strategist a Ing. 
    Anche i governativi tedeschi riprendono infatti fiato dopo
il rally di ieri, con gli investitori riluttanti a prendere
ulteriori posizioni prima del consiglio di politica monetaria
della Banca centrale europea. 
    "Ci sono due eventi che costituiscono i driver del mercato
oggi: il Portogallo e la Bce", dice Giansanti.
    Permangono sui mercati le preoccupazioni su una possibile
crisi di governo in Portogallo, essenzialmente legata alla
difficoltà di portare avanti le politiche di rigore connesse al
programma di salvataggio sottoscritto dal Paese con Unione
Europea e Fondo monetario internazionale. Il rischio che Lisbona
possa entrare in una fase di instabilità politica tiene comunque
sulla corsa tutti i periferici.
    "Per quanto riguarda la Bce, se non si sentiranno parole
chiare su aiuti o se, sulla scia della Fed, la Bce arriverà a
ipotizzare un ritiro degli stimoli, si rischia di andare
incontro a un doppio sell-off di periferici e 'core'" dice
ancora Giansanti.
    
    BUONA ACCOGLIENZA ASTA SPAGNA, MA TASSI IN RIALZO
    Il mercato sembra comunque fare le opportune distinzioni
nell'ambito dei periferici, fra periferie solide e quelle più
vacillanti, come dimostra l'asta con cui stamane la Spagna ha
collocato l'intero ammontare in offerta di due titoli a 3 e 5
anni, osserva Giansanti. Tuttavia in termini di tasso la Spagna
ha pagato il prezzo della situazione portoghese.
   La Spagna ha collocato i suoi titoli di Stato riuscendo a
soddisfare il massimo del target previsto, sebbene a tassi più
alti rispetto alle ultime aste di simili scadenze. Sono stati
collocati 4 miliardi di euro di un nuovo bono a 5 anni e del
triennale. Il titolo 2016 è stato collocato per 1,023 miliardi
di euro a un tasso medio pari a 2,875% dal precedente 2,706% e
con un bid-to-cover di 3,5 da 2,4, e 2,980 miliardi del titolo
2018 a un tasso di 3,792% e con un bid-to-cover di 1,7
.   


=========================== 12,35 ===========================   
FUTURES BUND SETTEMBRE      142,06   (-0,21)          
FUTURES BTP SETTEMBRE       109,37   (-0,39)           
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,626  (-0,099) 2,149%   
BTP 10 ANNI (MAG 23)    99,828  (-0,383) 4,572%
BTP 30 ANNI (SET 40)    98,852  (-0,812) 5,143% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   81            81 
BTP/BUND 2 ANNI          198           193        
BTP/BUND 10 ANNI       289           286  
livelli minimo/massimo              281,9-291,2  283,8-295,2   
BTP/BUND 30 ANNI       272           268        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   242,3         242,4   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  57,1           56,6      
==============================================================
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia