Fed, acquisti asset più aggressivi se dati inferiori attese - Dudley

giovedì 27 giugno 2013 16:17
 

NEW YORK, 27 giugno (Reuters) - Gli acquisti di asset della Federal Reserve potrebbero essere più aggressivi rispetto a quanto indicato dal governatore Ben Bernanke, qualora i dati su crescita e mercato del lavoro americano risultassero inferiori alle previsioni.

Lo ha detto l'influente numero uno della Fed di New York William Dudley rimarcando così lo stretto legame tra congiuntura economica e l'eventuale ridimensionamento dello stimolo monetario garantito dalla banca centrale Usa.

"Le circostanze economiche potrebbero divergere significativamente dalle aspettative del Fomc" ha affermato Dudley. "Se le condizioni del mercato del lavoro e della crescita dovessero risultare meno favorevoli rispetto alle prospettive della Fed - e questo è ciò che è successo negli anni recenti - mi aspetterei che gli acquisti di asset proseguano, con un'intensità superiore e per un tempo più lungo".

La settimana scorsa, a conclusione del meeting mensile della Fed, il governatore Bernanke aveva affermato che il programma di acquisto asset della banca centrale - attualmente da 85 miliardi di dollari al mese - sarebbe stato ridotto progressivamente nel corso dell'anno per giungere a completo esaurimento per la metà del 2014, qualora le condizioni economiche lo consentiranno.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia