Proteste Brasile, un milione in piazza, morto un 20enne

venerdì 21 giugno 2013 08:37
 

RIO DE JANEIRO/BRASILIA, 21 giugno (Reuters) - Circa un milione di persone è sceso in piazza nella notte in diverse città del Brasile mentre si intensificano le proteste nel Paese, le più massicce degli ultimi vent'anni, nonostante le recenti concessioni del governo.

Non soddisfatti dallo stop degli aumenti previsti per le tariffe del trasporto pubblico, che hanno dato il via alle proteste, e dalle promesse di servizi pubblici più efficienti, i manifestanti hanno sfilato nei pressi degli stadi dove si disputavano due partite di calcio a livello internazionale e in città come Manaus e Florianopolis.

Se le proteste si sono mantenute per lo più pacifiche, il numero sempre più alto di partecipanti ha condotto a occasionali episodi di violenza in alcune città. A Rio de Janeiro, dove sono scese in piazza 300.000 persone, la polizia ha disperso saccheggiatori e persone che si stavano radunando nelle zone circostanti. A Ribeirão Preto, vicino a San Paolo, un manifestante di 20 anni è morto dopo che un uomo alla guida di una jeep cercava di farsi largo tra la folla. Nella capitale, Brasilia, decine di migliaia di manifestanti si sono radunate nei pressi della sede del Congresso e della Corte suprema appiccando un incendio fuori dal ministero degli Esteri. Secondo la polizia 80 manifestanti, alcuni con ordigni artigianali, sono riusciti a entrare nella sede del ministero prima di essere cacciati.

Secondo i media brasiliani ci sono decine di feriti lievi in tutto il Paese, tra cui un giornalista tv che ha riferito di essere stato colpito da un proiettile di gomma sparato dalla polizia.

Le proteste hanno costretto la presidente Dilma Rousseff - che ha convocato per oggi un vertice di emergenza - a cancellare una visita in Giappone prevista per la prossima settimana.

I manifestanti protestano anche contro l'aumento delle tasse, la corruzione e gli scarsi servizi pubblici: dagli ospedali alle scuole, alle forze di polizia. Ma le proteste hanno come obiettivo anche gli oltre 26 miliardi di dollari di fondi pubblici che verrano spesi per i Mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia