Btp in deciso calo, spread sale a 291 pb,tasso 10 anni verso 4,60%

giovedì 20 giugno 2013 17:36
 

MILANO, 20 giugno (Reuters) - I Btp hanno decisamente
accentuato il calo nel pomeriggio e chiudono una pessima seduta
in cui - come è accaduto anche su altri mercati obbligazionari -
si sono abbattute le vendite in reazione all'annuncio di Ben
Bernanke di una progressiva riduzione del piano di stimolo. 
    Il presidente Fed ha detto che il ridimensionamento delle
misure di stimolo verrà fatto in relazione all'andamento della
ripresa economica. E l'indice della Fed di Filadelfia di oggi -
balzato a 12,5 a giugno da -5,2 di maggio - "ha convinto gli
investitori che l'azione di Bernanke potrebbe essere più vicina
del previsto, e hanno accentuato le vendite" dice un dealer.
    "E' una fase transitoria quella che vediamo in reazione al
cambiamento di politica monetaria" dice Alessandro Giansanti,
strategist di Ing. "Il mercato poi reagirà positivamente alle
condizioni economiche migliori". 
    Su piattaforma Tradeweb il differenziale di rendimento tra
decennali italiani e tedeschi in chiusura sale
oltre i 290 punti base, dai 270 della chiusura di ieri. Lo
spread ha iniziato ad allargarsi proprio la scorsa settimana
quando - accanto a un'assenza di azioni da parte della Boj -
sono iniziate a circolare ipotesi di riduzioni dello stimolo
della Fed. Lo scorso 13 giugno lo spread era salito fino a 295
pb. 
    "Mi aspetto che lo spread in queste settimane possa
allargarsi verso i 300/320 punti base, in relazione alla
politica monetaria Usa" dice ancora Giansanti. 
    Ancora più pesante è la risalita del rendimento del Btp
decennale che verso la chiusura ha toccato il 4,58%, il massimo
dall'inizio di aprile da 4,26% della chiusura di ieri.
    "Non c'è che dire: la reazione è stata pesante - e
probabilmente in parte anche emotiva - dopo le dichiarazioni
della Fed" dice uno strategist. "Hanno venduto soprattutto gli
investitori esteri speculativi. Occorre vedere se ora ci sarà un
assestamento e un rimbalzo".
    Ciò sarebbe buona cosa anche in vista delle prossime aste
del Tesoro Italiano. 
    Stasera verrà annuncia l'asta su Ctz e BTPei del prossimo
martedì. "Ci aspettimao un nuovo Ctz, il giugno 2015" dice Luca
Cazzulani, strategit di Unicredit. L'ammontare di una prima
tranche solitamente è sui 3-4 miliardi. Invece per i BTPei
l'ammontare dovrebbe essere attorno ai 750-1.000 miliardi.
    Domani verrà invece annunciata l'asta sui Btp semestrali,
con in scadenza circa 8,8 miliardi. "Mi aspetto un ammontare
inferiore alla scadenza per i Bot" dice ancora Cazzulani. Lunedì
invece verrà annuncia l'asta sui Btp a 5 e 10 anni per un
ammontare stimato di 4-6 miliardi. 
    "Il mercato così sotto pressione non è una buona cosa per le
aste del Tesoro" dice un dealer. "Vediamo se domani si
tranquillizza un po', prima dell'annuncio delle aste a
medio-lungo".

            
=========================== 17,30 ===========================   
FUTURES BUND SETTEMBRE      142,12   (-1,33)          
FUTURES BTP SETTEMBRE       109,78   (-2,52)           
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,636  (-0,485) 2,160%   
BTP 10 ANNI (MAG 23)   100,022  (-2,244) 4,545%
BTP 30 ANNI (SET 40)   100,013  (-1,944) 5,060% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   73            65 
BTP/BUND 2 ANNI          193           175        
BTP/BUND 10 ANNI       288           270  
livelli minimo/massimo              271,5-291,7  270,4-279,3   
BTP/BUND 30 ANNI       260           252        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   238,5         235,2   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  51,5           66,9      
============================================================== 
    
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia