Ministri Pdl su Consulta: politica è subalterna a giudici

mercoledì 19 giugno 2013 19:25
 

ROMA, 19 giugno (Reuters) - La decisione di oggi della Corte Costituzionale di respingere la richiesta di legittimo impedimento avanzata nel 2011 da Silvio Berlusconi, allora premier, al processo per i diritti tv Mediaset conferma che in Italia la politica è subordinata alla magistratura, secondo i ministri del Pdl.

Per Angelino Alfano, Nunzia DeGirolamo, Beatrice Lorenzin, Maurizio Lupi e Gaetano Quagliariello, quella della Consulta "è una decisione incredibile. Siamo allibiti, amareggiati e profondamente preoccupati. Ci rechiamo immediatamente dal presidente Berlusconi. La decisione travolge ogni principio di leale collaborazione e sancisce la subalternità della politica all'ordine giudiziario".

Berlusconi ha già detto che non ritirerà il consenso al governo nonostante si tratti di accanimento giudiziario.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Ministri Pdl su Consulta: politica è subalterna a giudici | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,833.88
    -0.46%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,060.63
    -0.45%
  • Euronext 100
    1,013.91
    -0.33%